Lube Civitanova, dalla nazionale USA arriva Brenden Sander

Print Friendly, PDF & Email

La  Cucine Lube Civitanova ha ingaggiato con un contratto annuale il nazionale USA Brenden Sander. Lo schiacciatore statunitense (classe 1995) cresciuto nella Brigham Young University è al primo anno nel campionato italiano. Brenden Sander,  fratello dello schiacciatore Taylor che nella scorsa stagione ha vestito la maglia del club biancorosso, era stato inizialmente ingaggiato dalla Calzedonia Verona,  società con cui la Lube Volley ha trovato un accordo per  portare a Civitanova il pallavolista statunitense.

Il neo giocatore cuciniero ha fatto parte,  fino a pochi giorni fa,  del gruppo della nazionale USA che partecipa ai Mondiali 2018 in corso di svolgimento in Italia e Bulgaria. Il suo arrivo in Italia e di conseguenza il primo allenamento alla guida di coach Giampaolo Medei sono previsti nei prossimi giorni,  una volta sbrigate le formalità per il visto.

L’ingaggio di Brenden Sander completa così il reparto schiacciatori della Cucine Lube Civitanova  dopo il brutto infortunio alla caviglia che ha messo ko il canadese Ryley Barnes.

“L’accordo con Barnes non può andare a buon fine – spiega il direttore sportivo Giuseppe Cormio – a causa naturalmente del serio infortunio del giocatore che verrà comunque seguito e monitorato nel corso della stagione per capire se e quando potrà essere utile alla causa della Lube”.

Le prime parole di Brenden Sander in biancorosso sono state: “Sono molto felice che la Lube abbia trovato l’accordo con Verona e di poter arrivare nel campionato italiano in una società altrettanto importante,  che mi darà la possibilità di vivere esperienze eccitanti come la partecipazione alla Champions League,  una competizione che mi incuriosisce molto. Non vedo l’ora di poter scendere in campo e di risolvere le formalità burocratiche per arrivare in Italia ed iniziare ad allenarmi con la Lube. So di avere davanti a me due grandi campioni come Juantorena e Leal, consapevole che dovrò farmi trovare pronto ogni volta che sarò chiamato in causa. Sono sereno e motivato  anche perché mi sono confrontato con mio fratello Taylor che mi ha parlato benissimo dell’ambiente; so che troverò una società al top mondiale”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!