Sarnano-Sassotetto, trionfano Christian Merli e Stefano Peroni

Print Friendly, PDF & Email

Come da programma, il Trofeo Scarfiotti 2018 si è aperto con la gara valida per il Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche. Il previsto duello al vertice tra il fiorentino Stefano Peroni ed il senese Uberto Bonucci ha visto prevalere il pilota della monoposto Martini MK32 di formula 2 che ha soffiato per pochi decimi l’alloro assoluto al rivale alla guida della sua fedele Osella Pa9/90, che ha commesso un piccolo errore che è risultato decisivo. Peroni è arrivato anche a pochi decimi dal record del percorso che appartiene all’abruzzese Stefano Di Fulvio. Nell’assoluta più distanziato è risultato al terzo posto il pisano Piero Lottini e quarto è stato l’osimano Antonio Angiolani su March-Toyota. Negli altri raggruppamenti si sono imposti il fiorentino Tiberio Nocentini nel 1° su Chevron B19, nel 2° il modenese Giuliano Palmieri su De Tomaso Pantera e nel 3° il milanese Andrea Fiume su Osella Pa8/9 al debutto sui Sibillini. Il miglior classificato tra le vetture GT è invece stato il reggiano Giuseppe Gallusi con la Porsche 911SC che è giunto secondo nel terzo raggruppamento.

Rispettato il pronostico nel Trofeo Scarfiotti per auto moderne, dove si è imposto il pilota trentino Christian Merli con una splendida prestazione. Rispetto alle prove di sabato ha fatto un grande passo in avanti il giovane orvietano Michele Fattorini, che ha raggiunto la seconda piazza assoluta lasciandosi alle spalle il sassarese Omar Magliona (Norma M20FC-Zytek) e il catanese Domenico Cubeda (Osella Fa30-Zytek). Grande prestazione del veronese Federico Liber, primo dei proto a motore moto e sesto assoluto davanti al brindisino Ivan Pezzolla, mentre il bolognese Manuel Dondi (Fiat X1/9), splendido decimo assoluto e protagonista di un confronto avvincente con Tancredi e Gabrielli in Gruppo E2SH. Il cosentino Rosario Iaquinta ha vinto il Gruppo CN, mentre il napoletano Luigi Sambuco (Alfa Romeo 155) si è imposto nel Gruppo E1 Italia, dove il pergolese Marco Sbrollini si è dovuto ritirare per noie al cambio. In Gruppo GT il romano Marco Iacoangeli (Bmw Z4) ha battuto di un soffio il favorito Lucio Peruggini (Ferrari 458 GT3). Nei Gruppi N e A hanno prevalso le Mitsubishi Lancer del campano-trentino Antonino Migliuolo e del bolzanino Rudi Bicciato. Nella Racing Start e Racing Start Plus hanno vinto il reatino Antonio Scappa e l’aquilano Serafino Ghizzoni, la Bicilindriche è invece andata al reggino Domenico Morabito. Vittoria tra gli under 25 per il brindisino Andrea Palazzo e tra le dame della trentina Gabriella Pedroni. L’8° Memorial Giovanni Battistelli, dedicato all’ex-presidente dell’AC Macerata che riavvio’ la gara nel 2008 assieme all’allora sindaco Federico Marconi, e che si assegna al miglior marchigiano nell’assoluta è stato vinto dall’ascolano Alessandro Gabrielli protagonista in E2SH con la Picchio-Alfa Romeo 4C.

Classifica assoluta auto storiche: 1° Peroni (Martini MK32) in 4’19”60; 2° Bonucci (Osella Pa9/90) 4’19”91; 3° Lottini (Osella Pa9/90) 4’34”03; 4° Angiolani (March 783-Toyota) 4’44”12; 5° Fiume (Osella Pa8/9) 4’52”57; 6° Nocentini (Chevron B19) 4’56”41; 7° Gallusi (Porsche 911SC) 5’04”83; 8° Palmieri (De Tomaso Pantera) 5’07”20; 9° Polledro (Formula Fiat-Abarth) 5’10”15; 10° Motti (Porsche Carrera RS) 5’10”66.

Classifica assoluta auto moderne: 1° Merli (Osella Fa30-Zytek LRM) in 3’44”97; 2° Fattorini (Osella Fa30-Zytek) 3’48”82; 3° Magliona (Norma M20FC-Zytek) 3’48”93; 4° Cubeda (Osella Fa30-Zytek) 3’55”15; 5° Marino (Lola B99/50-Zytek) 3’59”95; 6° Liber (Gloria C8P Evo) 4’04”44; 7° Pezzolla (Osella Pa21J) 4’08”06; 8° Lombardi (Osella Pa21Jrb) 4’11”06; 9° Farris (Osella Pa2000 Evo) 4’23”13; 10° Dondi (Fiat X1/9) 4’23”84.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!