Gennaio 27, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Colloqui USA-Russia a Ginevra sulla crisi ucraina: annunci diretti

Foto
debito…Denise Polypous / Reuters

Ginevra – Con le truppe russe Folle ai confini dell’Ucraina, I diplomatici statunitensi e russi hanno dichiarato lunedì, dopo una serie di intensi colloqui, che le due parti erano lungi dall’essere d’accordo nel soddisfare le reciproche preoccupazioni per la sicurezza, pur continuando a parlare.

Durante una serie di colloqui durati circa otto ore, i funzionari russi hanno affermato di aver detto alle loro controparti statunitensi che non avevano intenzione di invadere l’Ucraina. Dopo l’incontro, il viceministro degli Esteri russo Sergei A. Ryapkov ha dichiarato: “Non c’è motivo di aver paura di una sorta di situazione di escalation.

“Le trattative sono state dure, lunghe, molto professionali, profonde e convincenti, senza alcun tentativo di affinare alcuni spigoli”, ha detto. ha detto Ryapkov. “Riteniamo che la parte statunitense abbia preso molto sul serio le proposte russe e le abbia studiate a fondo”.

Il principale diplomatico statunitense Wendy Sherman ha affermato che gli Stati Uniti “stanno respingendo i piani di sicurezza che non hanno avviato gli Stati Uniti”, comprese le richieste della Russia che l’Ucraina non sia ammessa nella NATO. Con l’Ucraina.

“Non permetteremo a nessuno di chiudere la politica della porta aperta della NATO, che è sempre stata centrale per l’alleanza della NATO”, ha detto la Sherman in una conferenza stampa. “Non abbandoneremo la cooperazione bilaterale con nazioni sovrane che vogliono lavorare con gli Stati Uniti. Non prenderemo decisioni sull’Ucraina senza l’Ucraina, l’Europa senza l’Europa o la NATO senza la NATO.

READ  Dopo che l'allenatore dei Denver Broncos Vic Fangio è arrivato secondo consecutivo per ultimo

Entrambe le parti hanno abbassato le aspettative per i progressi diplomatici.

“Oggi è una discussione, capirsi bene e dare priorità a vicenda”, ha detto la signora Sherman. “Questo non è ciò che chiamiamo negoziazione.”

Il tono del discorso è stato “più rassicurante”, ha detto. Riabkov ha detto: “Ma le domande chiave sono ancora nell’aria e non capiamo la necessità di una decisione da parte degli Stati Uniti”. Di questo fatto va tenuto conto”.

La Sherman ha affermato che le due parti hanno discusso della possibilità di rinnovare l’accordo nucleare del partito ad interim abbandonato dagli Stati Uniti nel 2019, accusando la Russia di aver violato i suoi termini per anni.

Ha affermato che la parte statunitense ha sollevato idee sulla posizione dei missili balistici intercontinentali statunitensi e russi e che gli Stati Uniti sono “pronti a discutere i modi per determinare e migliorare i limiti reciproci sulle dimensioni e la portata delle esercitazioni militari”. Trasparenza su quegli esercizi”.

Colloqui – Primo Una serie di discussioni Si svolgerà in tutta Europa questa settimana, ruotando attorno alla richiesta delle potenze occidentali di “garanzie di sicurezza” fatta in un significativo attacco diplomatico al Cremlino alla fine dello scorso anno.

A dicembre, la Russia ha presentato una proposta per due accordi con gli Stati Uniti e la NATO che avrebbero ritirato le operazioni militari occidentali in Ucraina e altrove nell’Europa orientale. Unione.

Come ha notato la signora Sherman, molte delle proposte non sono familiari alle autorità occidentali, che insistono sul fatto che le aree di influenza in stile Guerra Fredda sono monumenti del passato e che le nazioni dovrebbero scegliere le proprie alleanze.

READ  Il processore mobile Exynos 2200 di Samsung utilizza la GPU AMD Ray Tracing

“Non siamo andati lì, non siamo andati secondo l’accordo che hanno messo sul tavolo”, ha detto la signora Sherman.

Il Cremlino insiste sul fatto che le richieste della Russia sono al di fuori del controllo degli armamenti e ciò include una completa riprogettazione della mappa della sicurezza in Europa, costringendo le potenze occidentali a indebolire la Russia dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Se la Russia non ottiene ciò che vuole, il presidente Vladimir V. Putin ha detto il mese scorso che il Cremlino era pronto a ricorrere a mezzi militari per raggiungere i suoi obiettivi.