Ottobre 1, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Gli analisti avvertono di 150 dollari di petrolio se l’Occidente bandisce il greggio russo

Oil

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono stati riluttanti a imporre sanzioni alle esportazioni russe di petrolio e gas dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, poiché gli alleati occidentali sono preoccupati per le implicazioni per le forniture energetiche dell’Europa e per l’impennata dei prezzi del petrolio e della benzina.

Tuttavia, le potenziali sanzioni sulle esportazioni di energia russe non sono sul tavolo. Gli analisti affermano che se l’Occidente mettesse al bando il petrolio russo, i prezzi globali del greggio potrebbero salire a 150 dollari al barile.

Ma anche in assenza di sanzioni sul petrolio russo, i prezzi rimarranno molto alti e saliranno ancora più in alto poiché acquirenti e raffinatori sono in modalità “autopunitiva”, non osano toccare il greggio russo e sono alla ricerca di forniture alternative. Gli analisti affermano che la prospettiva di un accordo nucleare con l’Iran che consentirebbe all’Iran di tornare legittimamente ad esportare il proprio petrolio è un potenziale freno ai prezzi del petrolio, ma i barili della Repubblica islamica non possono sostituire la perdita di petrolio russo.

“Mentre alcuni sono ancora sconcertati dall’idea che un accordo con l’Iran fornirebbe molto sollievo (dai prezzi elevati del petrolio), avvertiamo ancora una volta che l’accordo non è ancora concluso e che le somme in gioco sarebbero semplicemente troppo piccole per causare significativi Disgregazione russa”, ha scritto Hilma Croft, analista di RBC Capital, in una nota citata Reuters Giovedi.

C’è già un’interruzione nelle esportazioni di petrolio della Russia poiché Mosca deve affrontare crescenti sfide nella vendita di greggio e prodotti petroliferi marittimi, poiché commercianti, raffinerie, banche, compagnie assicurative e proprietari di petroliere non vogliono toccare nulla che esca dalla Russia.

READ  Le immagini satellitari mostrano una nuova fase della preparazione militare russa

L’invasione russa dell’Ucraina è stata accolta con una forte reazione da parte di Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito. Gli alleati occidentali hanno espulso molte banche russe dal sistema internazionale SWIFT e, sebbene non siano state attuate (ancora) sanzioni dirette sul petrolio e sul gas russi, il commercio di merci russe è diventato Tossico per molti attori globali.

“A causa delle sanzioni bancarie, abbiamo stimato che circa il 70% delle esportazioni russe di greggio sono intoccabili. Si tratta di circa 3,8 milioni di barili al giorno”, ha affermato Amrita Sen, direttrice della ricerca presso Energy Aspects. Ha detto alla CNBC Mercoledì.

Le esportazioni russe di greggio e prodotti raffinati sono diminuite di un terzo, o 2,5 milioni di barili al giorno, questa settimana, secondo le stime di. intelligenza energetica Basato su dati di spedizione e interviste con i commercianti.

I partecipanti al mercato petrolifero stanno iniziando a rendersi conto che molto petrolio russo potrebbe essere ritirato dal mercato nel prossimo futuro, anche se l’Occidente non impone sanzioni dirette al petrolio russo, aggiungendosi al già stretto equilibrio del mercato.

John Kilduff, partner di Again Capital, ha affermato che il mercato petrolifero sembra credere che le sanzioni sul petrolio russo stiano arrivando CNBC questa settimana.

“Questi sono tamburi che non possiamo produrre, motivo per cui questo mercato è in un ritardo così profondo”, ha detto Kilduff.

Gli analisti affermano che le sanzioni imposte al petrolio dalla Russia – che esporta circa cinque milioni di barili al giorno di greggio e 2,8 milioni di barili al giorno di prodotti raffinati – avranno un impatto maggiore sugli equilibri del mercato rispetto alle sanzioni contro Iran e Venezuela negli anni precedenti.

READ  La Germania registra oltre 27.000 rifugiati dall'Ucraina

Tuttavia, anche senza sanzioni dirette, gli acquirenti stanno iniziando a “punire se stessi”, affermano gli analisti.

Le raffinerie iniziarono a sostituire il greggio russo. Alcuni dei maggiori importatori di greggio russo negli Stati Uniti Ho iniziato a commentare I loro acquisti della merce, tra cui Monroe Energy, il terzo maggiore acquirente di petrolio russo negli Stati Uniti.

Neste dalla Finlandia Egli ha detto Martedì, “A causa della situazione attuale e dell’incertezza del mercato, Neste ha per lo più sostituito il petrolio greggio russo con altri greggi, come il petrolio del Mare del Nord”. Neste si prepara a “scelte diverse in materia di approvvigionamento, produzione e logistica”.

Mercoledì, il gruppo energetico portoghese Galp ha affermato di sì commento Tutti i nuovi acquisti di prodotti petroliferi provengono dalla Russia o da società russe.

“La nostra decisione è semplice: Galeb non contribuirà al finanziamento della guerra”, ha affermato la società.

Nel frattempo, in Russia, Surgutneftegaz non ha potuto effettuare consegne immediate in tre gare consecutive Nell’ultima settimana, nessuno ha nemmeno fatto offerte per tagli massicci dal grado Ural al greggio Brent datato.

I flussi petroliferi della Russia sono già interrotti dalle attuali sanzioni e anche se non seguiranno sanzioni petrolifere dirette, il mercato farà fatica a sostituire i barili già persi a causa delle “autosanzioni”, anche se l’Iran tornerà presto ad esportare greggio.

Di Cvetana Paraskova per Oilprice.com

Altre letture principali da Oilprice.com: