Agosto 13, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Gli scienziati scoprono le terze rocce attorno al sole alieno

Gli scienziati scoprono le terze rocce attorno al sole alieno

Gli astronomi hanno trovato prove di un terzo pianeta attorno alla stella più vicina al sole, rafforzando l’idea che i pianeti siano comuni attorno alle stelle galattiche, anche alcune delle più piccole.

E mentre il pianeta appena scoperto è grande meno della metà della Terra e probabilmente troppo caldo per abitare, c’è ancora la possibilità che la vita possa esistere intorno a Proxima Centauri, la galassia più vicina alla Terra.

L’astronomo Joao Faria, autore principale dello studio, ha dichiarato: Inserito questo mese Nel Journal of Astronomy and Astrophysics che descrive in dettaglio la scoperta. “Quindi è improbabile che l’acqua sia allo stato liquido e che le condizioni siano adatte alla vita”.

In effetti, il nuovo pianeta è così vicino, circa un decimo della distanza tra il Sole e Mercurio, che ci vogliono solo cinque giorni per completare un’orbita attorno alla sua stella.

È anche probabile che sia “gradualmente chiuso”, come la Luna con la Terra, con una faccia che punta sempre verso Proxima Centauri. Ciò potrebbe causare temperature estreme, ha detto Faria, e limitare la possibilità che il pianeta abbia un’atmosfera stabile.

Ma gli astronomi sono entusiasti della scoperta, nonostante le condizioni ostili che potrebbero esistere sul nuovo pianeta.

Suggerisce che il sistema Proxima potrebbe essere “pieno di pianeti”, ha affermato Faria, ricercatrice presso l’Istituto di astrofisica e scienze spaziali dell’Università di Porto in Portogallo.

È anche una svolta nel modo in cui gli astronomi cercano pianeti attorno a stelle lontane, ha detto in un’e-mail, che potrebbe presto portare a ulteriori scoperte.

Il nuovo pianeta dovrà essere verificato da altre osservazioni, ma Faria e colleghi affermano di averlo scoperto in minuscole differenze alla luce della stella di Proxima. Vibrazioni causate dalla gravità del pianeta.

READ  Il razzo New Moon della NASA, il razzo più potente di sempre, decolla per la prima volta

Tecniche simili sono state utilizzate per rilevare il primo pianeta trovato intorno a Proxima nel 2016 e un altro pianeta nel 2019.

Ma le ultime ricerche hanno utilizzato la luce raccolta da A Nuovo spettrometro nel telescopio molto grande Sulla cima di una montagna nel deserto di Atacama, nel nord del Cile, uno strumento più delicato di quello usato prima.

“Ora siamo in grado, in termini di risoluzione meccanicistica, di rilevare segnali così piccoli, aprendo la possibilità di trovare pianeti simili alla Terra attorno a stelle simili al Sole in un futuro non troppo lontano”, ha detto Faria.

Proxima Centauri è la terza stella nel sistema Alpha Centauri, che è simile a una singola stella luminosa dalla Terra.

È a poco più di quattro anni luce di distanza, o circa 25 trilioni di miglia, ma nonostante quella vasta distanza, è il sistema stellare più vicino.

La luce delle sue due stelle luminose, Alpha Centauri A e Alpha Centauri B, può essere vista solo ad occhio nudo.

Orbitano l’un l’altro, ma sono abbastanza distanti da non essere ritenuti sovrapponibili ai pianeti dell’altro.

E poiché Alpha Centauri A e B sembrano entrambi straordinariamente simili al Sole, è possibile che la vita si sia evoluta sui loro pianeti o lune, quindi gli scienziati intendono cercarli usando telescopio spaziale personalizzato.

Proxima Centauri è invece una piccola e debolissima stella nana rossa che fu scoperta al telescopio nel 1915, lontana dalle due stelle principali del sistema.

Tecnicamente, Proxima è la stella più vicina al Sole, circa un trilione di miglia più vicina delle altre stelle, fino a quando non toglie la sua orbita in circa 25.000 anni (il suo nome deriva dalla parola latina per “più vicino”).

READ  Spazzatura spaziale in rotta di collisione con la luna probabile missile cinese - esperti | la luna

A differenza di Alpha Centauri A e B, dove non sono stati trovati pianeti verificati, ora sono stati scoperti tre pianeti intorno a Proxima.

Tuttavia, si ritiene che nessuno di loro sia molto simile alla Terra, perché Proxima è una “stella luminosa” attiva che dosa regolarmente i pianeti con esplosioni di intense radiazioni.

È ancora possibile che la vita si sia evoluta su almeno uno dei suoi pianeti, ha detto l’astronomo dell’Istituto di scienze spaziali di Barcellona, ​​​​Guillem Anglada-Escud.

Ha guidato la squadra che ha annunciato Il primo pianeta di Proxima Nel 2016. Si è scoperto che il pianeta ha all’incirca le dimensioni della Terra e si trova all’interno della stretta e abitabile zona di Proxima o regione “Riccioli d’oro”, dove non è né troppo caldo né troppo freddo – “giusto” – per gli oceani d’acqua sul suo superficie.

Le osservazioni ora indicano che potrebbero esserci davvero oceani lì; E se così fosse, potrebbero ricostituire i gas atmosferici strappati via dai ripetuti bagliori di Proxima, ha detto. Gli oceani possono anche fungere da barriera ai bagliori, quindi è possibile che la vita marina si sia evoluta.

Anglada-Escudé prevede di trovare più pianeti intorno a Proxima Centauri e altre stelle man mano che gli strumenti e le tecniche astronomiche migliorano.

“Entro un decennio, dovremmo essere in grado di osservare direttamente questi pianeti”, ha detto. “L’idea sarebbe quella di cercare la vita, per vedere se ci sono sostanze chimiche che non possono essere spiegate da altri processi naturali attraverso lo spettro del pianeta”.