Gennaio 18, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Gli Stati Uniti hanno intentato una causa contro Uber, accusata di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità

SAN FRANCISCO – Mercoledì il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha citato in giudizio Uber per presunta discriminazione nei confronti dei passeggeri facendo pagare ai passeggeri disabili quando avevano bisogno di più tempo per entrare nei veicoli da corsa.

Il caso nasce da una politica tariffaria stabilita da Uber nel 2016 per risarcire i conducenti che aspettano più di due minuti l’arrivo di un passeggero. La compagnia in precedenza non aveva pagato i conducenti per il loro tempo fino all’inizio della corsa, a volte frustrando coloro che erano costretti ad aspettare lunghe ore per i passeggeri.

Ma la magistratura ha affermato che Uber non ha modificato la tariffa per i tempi di attesa per i disabili, il che viola l’Americans Disability Act, una legge federale che impedisce la discriminazione da parte delle compagnie di trasporto private. La magistratura ha affermato che un passeggero potrebbe aver bisogno di tempo per rompere una sedia a rotelle o un deambulatore e metterlo in macchina o che un passeggero non vedente potrebbe aver bisogno di più tempo per entrare in macchina. Sebbene Uber sapesse che qualcuno aveva bisogno di tempo extra a causa di Uber, la società ha addebitato una tassa di attesa due minuti dopo.

“Altre società che forniscono Uber e altri servizi di trasporto devono garantire la parità di accesso a tutte le persone, comprese le persone con disabilità”, ha affermato Kristen Clark, assistente procuratore generale per la divisione per i diritti civili della magistratura.

Uber ha detto mercoledì che stava discutendo le sue politiche sui tempi di attesa con la magistratura, che sono progettate solo per i passeggeri in attesa dei conducenti e non per i passeggeri che hanno bisogno di tempo extra per salire in macchina. La società ha affermato di aver rimborsato coloro che hanno avvertito la società che i passeggeri disabili erano stati accusati. La scorsa settimana ha anche rinnovato la politica di rinuncia automatica alle tariffe per i tempi di attesa per i passeggeri che dichiarano di essere disabili.

READ  Il pianeta metallico sembra essere il mondo più leggero intorno a un'altra stella mai scoperto

Il portavoce di Uber Matt Kallman ha dichiarato in una nota che il caso è “sorprendente e deludente”. Ha aggiunto: “Non siamo d’accordo sul fatto che le nostre politiche violino l’ADA e miglioreremo i nostri prodotti per supportare la capacità di tutti di muoversi facilmente nelle proprie comunità”.

La magistratura aveva precedentemente indagato sull’ascensore per aver consentito ai suoi conducenti di rifiutare le corse ai passeggeri con sedie a rotelle o deambulatori. Sollevamento Saldo le accuse L’anno scorso ha accettato di rivedere le sue politiche sulle sedie a rotelle, pagare quattro passeggeri da $ 4.000 a $ 30.000 di risarcimento e pagare una multa civile di $ 40.000.

La magistratura aveva precedentemente indagato su Uber per violazioni dei dati nel 2014 e 2016. L’anno scorso, L’agenzia ha incolpato l’ex dirigente di Uber Tentativi di nascondere l’hack del 2016 agli investigatori federali.

La nuova causa, depositata presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Settentrionale della California, chiede un ordine del tribunale per prevenire la discriminazione contro le persone con disabilità. Invita il tribunale a modificare la politica di attesa per i trasferiti Uber, a formare i suoi dipendenti e autisti nell’Americans Disability Act, a risarcire i clienti interessati dalla politica sui tempi di attesa e a pagare le multe civili.