Giugno 26, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

I funzionari affermano che gli Stati Uniti e i loro alleati sono pronti a rispondere agli attacchi informatici russi

I funzionari affermano che gli Stati Uniti e i loro alleati sono pronti a rispondere agli attacchi informatici russi

WASHINGTON (Reuters) – Funzionari statunitensi ed europei hanno dichiarato martedì che gli Stati Uniti e i loro alleati sono pronti a rispondere agli attacchi informatici russi, in mezzo alle crescenti tensioni sull’Ucraina, con misure di ritorsione o sanzioni a seconda della gravità dell’hacking. .

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, parlando poche ore dopo che l’Ucraina ha annunciato che il suo Dipartimento della Difesa e due banche sono stati violati, ha detto ai giornalisti che Washington si sta coordinando strettamente con gli alleati della NATO e altri partner per espandere le proprie difese contro le minacce nel cyberspazio. Per saperne di più

Funzionari statunitensi ed europei, che hanno parlato in condizione di anonimato, hanno affermato che gli attacchi, che gli esperti di sicurezza occidentali ritengono siano stati effettuati dalla Russia, sono stati inaspettati.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il Servizio di sicurezza federale russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters.

“Il presidente ha detto che avremmo risposto alle azioni della Russia a meno che non si fosse trattato di un’invasione militare”, ha detto un funzionario statunitense. “Ma ciò che viene determinato dipende dall’entità degli attacchi informatici. Ci sono così tanti ambiti che è difficile entrare nei dettagli”.

Un diplomatico europeo ha affermato che gli attacchi informatici sono una vecchia componente della strategia russa e che Mosca li ha utilizzati in precedenti scontri militari con Georgia e Ucraina.

“Fa parte delle regole del gioco”, ha affermato il funzionario, sottolineando la determinazione dell’Occidente a utilizzare misure coordinate per ritenere Mosca responsabile di attacchi informatici e altri “cattivi comportamenti”.

READ  Funzionari affermano che il sindaco ucraino rapito è stato liberato in "operazione speciale"

Le fonti hanno affermato che mentre i funzionari statunitensi, europei e canadesi hanno elaborato un pacchetto dettagliato di sanzioni se le forze russe invadono l’Ucraina, non esiste un piano altrettanto dettagliato su come rispondere agli attacchi informatici. Per saperne di più

Ciò è in parte dovuto al fatto che può essere necessario del tempo per determinare chi è responsabile, specialmente nel caso di attacchi Distributed Denial of Service (DDOS), hanno affermato i funzionari. Gli attacchi DDOS funzionano dirigendo una manichetta di traffico Internet da diverse origini contro un altro server o destinazione.

È probabile che attacchi più aggressivi e dannosi si traducano in una risposta più aggressiva. Un funzionario europeo ha affermato che alcuni paesi, tra cui la Francia, generalmente preferiscono evitare di incolpare pubblicamente gli attacchi informatici.

Un esperto informatico che ha familiarità con la pianificazione occidentale ha affermato che la risposta potrebbe includere misure diverse dalle sanzioni, inclusi attacchi fisici o informatici ai server in questione.

Due dei funzionari hanno affermato che diversi russi ritenuti responsabili di precedenti attacchi informatici sono apparsi nelle liste nere delle sanzioni, ma se ne potrebbero aggiungere altri.

I negoziati tra funzionari statunitensi ed europei nelle ultime settimane si sono concentrati maggiormente sulla messa a punto delle sanzioni che sarebbero probabilmente imposte in caso di invasione fisica – e sul loro impatto sulla Russia e sui suoi egemoni – piuttosto che delineare un elenco di opzioni per gli attacchi informatici. Un funzionario europeo.

“Non esiste una tabella di marcia dettagliata su cosa fare in caso di attacco informatico”, ha affermato un diplomatico europeo. Ciò dipenderà dalle specificità del caso. “

(riferisce Andrea Shalal). Montaggio di Mary Milliken e Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.