Ottobre 1, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Il rublo scende bruscamente con il morso delle sanzioni, mandando i russi nelle banche

Il rublo scende bruscamente con il morso delle sanzioni, mandando i russi nelle banche

MOSCA – I russi ordinari hanno dovuto affrontare la prospettiva di prezzi più alti e di ridurre i viaggi all’estero mentre le sanzioni occidentali per l’invasione dell’Ucraina hanno tagliato il valore del rublo, inviando lunedì irrequieti depositanti a fare la fila alle banche e agli sportelli automatici in un Paese che ha visto più di una valuta . Il disastro nell’era post-sovietica.

La valuta russa è scesa di quasi il 30% rispetto al dollaro USA dopo che i paesi occidentali hanno annunciato mosse senza precedenti per impedire ad alcune banche russe di utilizzare il sistema di pagamento internazionale SWIFT e limitare l’uso da parte della Russia delle sue enormi riserve valutarie. Il tasso di cambio ha poi ripreso vigore dopo un rapido intervento della Banca centrale russa.

Ma la pressione economica è diventata più dura quando gli Stati Uniti hanno introdotto sanzioni per paralizzare qualsiasi attività della Banca centrale russa negli Stati Uniti o detenuta dagli americani. L’amministrazione Biden ha stimato che la mossa potrebbe influenzare “centinaia di miliardi di dollari” di finanziamenti russi.

Funzionari statunitensi hanno affermato che Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Giappone, Unione Europea e altri paesi parteciperanno al prendere di mira la Banca centrale russa.

“Siamo in un territorio inesplorato dall’imporre tutte queste opzioni di sanzioni nucleari alla Russia contemporaneamente durante il fine settimana”, ha affermato Elena Rybakova, vice capo economista presso l’Institute of International Finance, un gruppo bancario. Una volta come questa avrebbe un impatto molto grande”.

I russi, preoccupati che le sanzioni avrebbero inferto un duro colpo all’economia, sono giorni che affollano banche e sportelli bancomat, con segnalazioni sui social di lunghe code e macchine in esaurimento. Anche le persone in alcuni paesi dell’Europa centrale si sono affrettate a ritirare denaro dalle filiali della Sberbank di proprietà statale in Russia dopo che la banca madre russa è stata colpita da sanzioni internazionali.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Il Ministero dei Trasporti Pubblici di Mosca ha avvertito i residenti della città durante il fine settimana che potrebbero incontrare problemi con Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay per pagare le tariffe perché VTB, un’altra banca russa soggetta a sanzioni, gestisce i pagamenti con carta su metropolitane, autobus e tram di Mosca.

L’uomo d’affari Vladimir Vyasilov ha scoperto che i voli per il suo viaggio all’estero con un visto per studenti erano vietati. Stava pensando di guidare in un altro paese e di volare da lì.

“Sono stato in contrasto con le decisioni di tutte le autorità per molto tempo e per questo motivo deposito tutti i miei soldi solo in valute, e sono scettico su Sberbank, VTB, delle banche nazionali in generale”, ha detto. Non posso dire di essere pronto (per le sanzioni) ma ero il più pronto possibile per essere un cittadino della Federazione Russa. “

Economisti e analisti hanno affermato che un forte deprezzamento del rublo significherà una diminuzione del tenore di vita del cittadino russo medio. I russi fanno ancora affidamento su molti beni importati ed è probabile che i prezzi di tali articoli, come iPhone e PlayStation, aumentino. Viaggiare all’estero diventerà più costoso perché i rubli acquistano meno valuta all’estero. Le maggiori turbolenze economiche arriveranno nelle prossime settimane se gli shock dei prezzi e i problemi della catena di approvvigionamento causeranno la chiusura delle fabbriche russe a causa della minore domanda.

“Questa economia si diffonderà molto rapidamente”, ha affermato David Feldman, professore di economia alla William & Mary in Virginia. Tutto ciò che viene importato vedrà aumentare il costo locale nella valuta. E l’unico modo per fermarlo è fornire un grande supporto”.

La Russia si è mossa per produrre molti beni a livello nazionale, inclusa la maggior parte del cibo, per proteggere l’economia dalle sanzioni, ha affermato Tyler Kostra, professore associato di politica e relazioni internazionali all’Università di Nottingham. Ha predetto che alcuni frutti che non potrebbero essere coltivati ​​in Russia, ad esempio, “diventeranno improvvisamente molto più costosi”.

READ  Le ultime notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: un attacco a Kharkiv con l'intensificarsi dell'invasione, vicino a Kiev

Kostra, che studia le sanzioni economiche, ha affermato che l’elettronica sarebbe un punto dolente, poiché i computer e i telefoni cellulari dovrebbero essere importati e il costo aumenterebbe. Anche i servizi esteri come Netflix possono costare di più, sebbene una società del genere possa abbassare i prezzi.

Il settore automobilistico, un importante datore di lavoro, ha affermato Chris Weaver, CEO di Macro-Advisory, una società di consulenza strategica in Eurasia, “sta subendo un colpo molto rapido con il divieto di importazione di microchip e altre parti.

Finché alcune banche russe saranno risparmiate dal taglio SWIFT, ha affermato, la Russia sarà ancora in grado di continuare a esportare e mostrare una crescita modesta quest’anno e guadagnare abbastanza per sostenere o salvare grandi aziende o datori di lavoro.

“Quindi dipende davvero in modo critico dal fatto che SWIFT rimarrà aperto o se l’ultimo canale sarà chiuso”, ha affermato Weaver.

Dopo che l’Occidente ha imposto sanzioni alla Russia per il sequestro della Crimea ucraina nel 2014, la Banca centrale russa ha ripulito le banche deboli e si è preparata alla possibilità di ulteriori sanzioni.

“Quindi non c’è bisogno di temere alcun tipo di crisi o collasso immediato” quest’anno, ha detto. È chiaro che solo se queste sanzioni diventano più severe e prorogate per diversi anni, è chiaro che la situazione si deteriorerà durante quel periodo.

La scivolata del rublo ha evocato brutti ricordi di crisi passate. La valuta ha perso gran parte del suo valore all’inizio degli anni ’90 dopo la fine dell’Unione Sovietica, con l’inflazione e la perdita di valore che hanno spinto il governo a sbarazzarsi di tre zeri dalle monete del rublo nel 1997. Poi è arrivato l’ulteriore calo dopo la crisi finanziaria del 1998. crisi in cui molti depositanti hanno perso i loro risparmi e un altro crollo nel 2014 a causa dei bassi prezzi del petrolio e delle sanzioni alla Crimea.

READ  Le immagini satellitari mostrano una nuova fase della preparazione militare russa

Lunedì, la Banca centrale russa ha alzato bruscamente il suo tasso di interesse di riferimento al 20% dal 9,5% nel disperato tentativo di sostenere il rublo e prevenire una corsa agli sportelli. Ha anche affermato che la Borsa di Mosca sarebbe rimasta chiusa.

Funzionari europei hanno affermato che almeno la metà dei 640 miliardi di dollari stimati dalla Russia in valuta forte, alcuni dei quali detenuti al di fuori della Russia, saranno paralizzati. Ciò ha notevolmente aumentato la pressione sulla valuta russa, minando la capacità delle autorità finanziarie di sostenerla utilizzando le riserve per acquistare rubli.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha definito le sanzioni “pesanti”, ma ha affermato che “la Russia ha le capacità necessarie per compensare i danni”.

Le misure adottate per sostenere il rublo sono di per sé dolorose perché l’aumento dei tassi di interesse può soffocare la crescita rendendo più costoso l’accesso delle aziende al credito. Gli esperti hanno affermato che anche i russi che hanno preso in prestito denaro, come proprietari di case con mutui o imprenditori che hanno preso in prestito, potrebbero essere colpiti dai tassi di interesse composti.

Il rublo è sceso di circa il 30% rispetto al dollaro USA all’inizio di lunedì, ma si è stabilizzato dopo la mossa della banca centrale. In precedenza, è stato scambiato a un minimo record di 105,27 per dollaro, in calo da circa 84 per dollaro alla fine di venerdì, prima di recuperare a 94,60.

———

McHugh ha contribuito da Francoforte, Germania. I giornalisti dell’Associated Press Kelvin Chan a Londra, Ken Sweet a New York e Paul Wiseman a Washington hanno contribuito.