Ottobre 1, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Katharina Makariu e Mallory Pugh colgono l’occasione mentre l’USWNT alza la SheBelieves Cup

Katharina Makariu e Mallory Pugh colgono l'occasione mentre l'USWNT alza la SheBelieves Cup

La squadra di calcio femminile degli Stati Uniti ha vinto la SheBelieves Cup 2022 dopo aver sconfitto l’Islanda 5-0 in una partita imperdibile mercoledì, capocannoniere. Catarina Macario E il Mallory Bog Sono stati tra i giocatori testati con successo per avere la possibilità di guidare l’USWNT in futuro.

Mentre la quinta SheBelieves Cup della squadra segna una fine positiva dopo un inizio difficile la scorsa settimana, il vero scopo di questo torneo per l’allenatore Vlatko Andonovski non era quello di vincere attrezzature ma di trovare gemme non tagliate: giocatori con una maggiore capacità di portarli nel futuro come la squadra si rigenera. Macario e Pugh sono in cima alla lista dei giocatori che hanno costretto Andonovski a dare loro più look.

“Lasceremo questo torneo sentendoci come se stessimo andando nella giusta direzione”, ha detto Andonovsky a ESPN quando gli è stato chiesto se qualche giocatore avesse migliorato la propria posizione nella squadra. “Hanno dimostrato di poter vincere le partite”.

L’eccezionale prestazione di Macario nella SheBelieves Cup è accelerata al 37′: ho inseguito un pallone lungo la fascia sinistra, ho tagliato e poi sparato dall’angolo dell’area di rigore, sparando un missile sul secondo palo che è scivolato fuori dal telaio interno e dentro esso. La situazione era perfetta: solo un centimetro a destra e la palla si sarebbe staccata dal palo e sarebbe andata in salvo; Un po’ più vicino alla sinistra e al portiere Sandra Sigdardottir Avrebbero potuto avere l’opportunità di bandirlo.

Report: Gli Stati Uniti vincono la Shepelevs Cup battendo l’Islanda
– ESPN+: Chat USWNT e altro su ESPN FC Daily (solo USA)

“Lo faccio da un po’”, ha detto Macario. “A volte non ripaga, ma il fatto che sia successo oggi è stato fantastico. Una volta che mi sono fatto male, ho pensato, ‘Ok, è stata una buona connessione'”. “

Al 45′ ha poi segnato un altro gol superbo: un passaggio di Pugh alle spalle di Macario l’ha lasciata inseguire la palla dalla porta e Macario ha sbalordito tutti ruotando l’anca e lanciandola nell’altra rete.

“Obiettivi come questo dovrebbero essere in tutto il mondo”, ha detto Andonovsky. “Ciò che mi rende felice con Cat non sono solo i gol che ho segnato, ma anche il modo in cui sono riuscito a coinvolgere altre persone”.

Curiosità: da quando la nazionale di Makario ha debuttato nel gennaio 2021, nessuna giocatrice americana ha segnato più gol da fuori area. Inoltre: questa è stata la seconda volta che Macario ha segnato più gol da una distanza di oltre 15 yard in una singola partita; È stata l’unica altra giocatrice della squadra femminile a farlo negli ultimi cinque anni Alessio Morgan Nella famosa vittoria per 13-0 sulla Thailandia ai Mondiali femminili 2019.

READ  I Blue Jays ingaggiano Yusei Kikuchi

“Dai un po’ di spazio a quella ragazza e il gioco è fatto”, ha detto Pugh, prendendo in giro gli obiettivi di Macario.

Pugh ha completato dove Macario aveva interrotto nel secondo tempo con un gol che ha segnato bene al minuto 60. Ashley Sanchez ha infilato un bel passaggio filtrante nella strada di Pew, è corso verso di lei e ha guidato il portiere Cecilia Ranarsdottir Lo infilò nella colonna più lontana.

Prima che Pugh segnasse il suo gol, aveva il più alto xG – o goal previsti, che misura la probabilità che una possibilità fruttasse un goal – di qualsiasi giocatore in campo a .40. La 23enne ha fatto bene ad entrare in posizioni da gol pericolose ea trovare occasioni, anche se non segna un gol per dimostrarlo.

Il secondo obiettivo di Pugh ha mostrato l’emergente partnership Macario-Pugh. Macario ha vinto la palla a centrocampo quando gli americani sono passati in contropiede. Macario corse in campo, passò a Pugh, che passò a Macario, che tornò a Pugh, che finì tranquillamente.

Ovviamente, Macario e Pugh non sono nuovi allo show – Macario è apparso alle ultime Olimpiadi, Pugh è stato all’ultima Coppa del Mondo – ma entrambi erano giocatori senza punti sicuri, incapaci di sloggiare artisti del calibro di Morgan, Kristen PressE il Megan Rapinoe o Tobin Heath. E l’Islanda non è la Svezia né la Germania, le squadre forti inseguono le calcagna delle americane nelle classifiche mondiali. Ma le prestazioni individuali dei due attaccanti – e la loro nascente collaborazione in campo – sarà difficile per Andonovsky ignorarle dopo la partita di mercoledì.

gioco

1:00

La reazione di Julie Fode alla vittoria per 5-0 degli Stati Uniti sull’Islanda nella Coppa Shepeleyes.

Pugh ha sicuramente giocato come un giocatore che si preparava a rivendicare una posizione stabile in nazionale due anni dopo essere stato fuori dall’ovile. Dopo aver fatto parte della squadra che ha vinto la Coppa del Mondo 2019, ha saltato le Olimpiadi e ha lottato sia con il club che con la nazione. Pugh ha esordito in nazionale all’età di 17 anni, quindi è facile dimenticare che Pugh ha ancora solo 23 anni, appena un anno più di Macario.

READ  40 La migliore bici per impennare del 2022 - Non acquistare una bici per impennare finché non leggi QUESTO!

Anche altri giocatori si sono rivolti a noi. Kristi Moyes Ha segnato il quinto gol con un bel finale. Sanchez non è riuscita a finire le due occasioni che ha ottenuto, ma ha battuto ripetutamente la difesa islandese con i suoi dribbling e passaggi puntuali. Emily Volpe Si è comportato bene da terzino sinistro e ha minacciato molto. La partita di mercoledì ha ovviamente guadagnato qualche possibilità in più per alcuni nuovi giocatori.

Difficile però uscire dal match con ripercussioni più ampie per la squadra femminile statunitense.

Con l’avvicinarsi della scadenza di mercoledì, l’Islanda aveva solo bisogno di un pareggio per vincere la SheBelieves Cup, ma ha giocato come una squadra in cerca di vittoria, creando una partita più aperta a vantaggio degli americani. L’Islanda ha cambiato portieri nel primo tempo, a quanto pare non perché Sigurddóttir stesse lottando, ma per dare esperienza al 18enne Runnarsdottir.

In verità, però, questa SheBelieves Cup sulla carta è sempre stata la più facile per il Team USA da quando gli americani hanno iniziato a ospitare il torneo nel 2016.

Prima di quest’anno, il torneo aveva visto solo un partecipante classificarsi al di fuori dei primi 15 giocatori della FIFA. Ma questa volta, l’Islanda era il contendente con il punteggio più alto al 16° posto nel mondo. La Nuova Zelanda è classificata al 22° posto, mentre la Repubblica Ceca è al 24° posto. Gli Stati Uniti sono al primo posto nel torneo, con gli americani che hanno vinto 29 dei 32 incontri del girone contro i loro rivali nella Shepherd’s Cup 2022. La loro unica sconfitta è stata nella prima incontro contro la Nuova Zelanda nel 1987.

Ma c’erano anche ragioni per credere che nemmeno gli americani avrebbero battuto la concorrenza.

Per cominciare, Andonovsky ha portato una squadra piccola e relativamente inesperta a questo torneo mentre cerca di rinnovare il suo roster senior. Con un’età media di 25,40, la formazione titolare di mercoledì è stata la squadra più giovane ad aver mai giocato nella SheBelieves Cup e la più giovane in qualsiasi partita dal 5 aprile 2018.

La SheBelieves Cup, una gloriosa raccolta di amichevoli fuori stagione, è stata tradizionalmente un torneo di sperimentazione, ma c’è anche una certa urgenza per Andonovsky. Il capocannoniere della squadra degli ultimi anni – Morgan, Bryce, Rapinoe e Heath – avrà 34 anni o più durante la prossima Coppa del Mondo. E i ritardi causati dalla pandemia alle Olimpiadi significavano anche che Andonovsky aveva solo pochi mesi per il processo di ricostruzione che di solito si svolge nell’arco di due anni.

READ  La Russia ha vietato tutti gli eventi internazionali di pattinaggio dopo l'invasione dell'Ucraina

Ecco perché la prestazione di Macario, in particolare, di mercoledì potrebbe imporre decisioni difficili ad Andonovsky. Makario è nella foto della squadra femminile dallo scorso anno, sostituendo il roster olimpico, fino a quando le regole non sono state modificate per ampliare le dimensioni del roster del torneo. Ma Makariu è stata descritta come un centrocampista e in questa Shepelevs Cup ha giocato per la prima volta come attaccante con la squadra.

Andonovsky ha detto che lo slancio di Macario durante la Shepelevs Cup non riguardava il comfort nel giocare come attaccante, ma la squadra ha imparato a giocare in quella posizione.

“Abbiamo visto come Cat è cresciuto dal gioco 1 al gioco 3, ma soprattutto abbiamo visto come la squadra intorno a Cat è cresciuta nel capire i suoi movimenti, individuarla, gli angoli e le palle che stava giocando”, ha detto. “È qui che sono cresciuto di più”.

Pyo ha ribadito che è stata un’esperienza di apprendimento che le ha permesso di interpretare meglio Makario.

“Non ho mai giocato con Cat come numero 9, e ha fatto un lavoro straordinario”, ha detto Pugh. “Questo è esattamente ciò di cui avevamo bisogno per vedere e conoscere le sue tendenze: tornare indietro, controllare, girare, manipolarla”.

Gli americani hanno trovato le loro possibilità all’inizio, ma molti di loro hanno avuto solo la metà delle possibilità. Hanno terminato il primo tempo con 1,07 xG. Chiudono quel tempo con una doppietta perché Macario segna da posizioni inaspettate e crea occasioni da gol che altrimenti non esisterebbero.

Macario ha poi ammesso di aver iniziato il torneo con un po’ di coraggio, ma era determinata ad avanzare nella partita determinante della coppa di mercoledì.

“Quando abbiamo iniziato questo torneo, mi sentivo un po’ stretto, non giocando nel modo in cui so giocare”, ha detto Macario. “Con questa grande partita che abbiamo fatto oggi, giocando per la coppa, dovevo dare il massimo e mostrare i miei compagni di squadra, Flatko e la nazione a cui appartengo qui”.

Sembra che lei abbia fatto proprio questo.