Maggio 16, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La banca centrale russa avverte di un cambiamento economico “strutturale diffuso”.

La banca centrale russa avverte di un cambiamento economico "strutturale diffuso".

Il 18 febbraio 2022 il presidente russo Vladimir Putin presiede un incontro con i membri del Consiglio di sicurezza tramite collegamento video presso la residenza statale di Novo-Ogaryovo fuori Mosca, in Russia.

Michele Clementev | Sputnik | tramite Reuters

La banca centrale russa venerdì ha mantenuto stabile la sua politica monetaria e ha mantenuto il tasso di interesse di riferimento al 20%, ma ha avvertito di una grande incertezza poiché l’economia sta subendo una “trasformazione strutturale diffusa”.

Alla fine di febbraio, poco dopo l’invasione dell’Ucraina da parte delle forze russe, a CBR ha più che raddoppiato il tasso di interesse chiave del paese Dal 9,5% al ​​20% nel tentativo di sostenere la sua moneta in caduta libera e mitigare l’impatto delle dure sanzioni internazionali.

La banca centrale ha dichiarato venerdì nella sua dichiarazione che il forte aumento del tasso di interesse chiave “ha contribuito a mantenere la stabilità finanziaria”.

“L’economia russa sta entrando in una fase di trasformazione strutturale su larga scala, che sarà accompagnata da un periodo temporaneo ma inevitabile di aumento dell’inflazione, che è principalmente correlato all’adeguamento dei prezzi relativi su un’ampia gamma di beni e servizi”, lei disse.

“La politica monetaria della Banca di Russia è destinata a consentire il graduale adeguamento dell’economia alle nuove condizioni e il ritorno dell’inflazione annuale al 4% nel 2024”.

Il rubli affondò contro i minimi storici dollaro Sullo sfondo di una raffica di nuove sanzioni e sanzioni imposte a Mosca dagli Stati Uniti e dagli alleati europei, prima che si ritirassero nelle ultime settimane. La valuta si è attestata a poco più di 104 per dollaro dopo la decisione di venerdì.

READ  Covid-19 e notizie sui vaccini: aggiornamenti in tempo reale

All’inizio di questa settimana, la Russia ha evitato un default storico del debito completando alcuni dei suoi pagamenti di obbligazioni sovrane in dollari, ha riferito Reuters. Il ministero delle Finanze russo ha dichiarato venerdì di aver adempiuto al suo impegno di pagare per intero le cedole per le obbligazioni denominate in dollari.

Le sanzioni occidentali hanno preso di mira le grandi quantità di riserve valutarie della CBR intese a renderle praticamente inaccessibili, impedendo ai responsabili politici di mitigare la svalutazione delle attività nazionali.

Tre fast food

Sebbene la decisione fosse prevista, il resoconto della banca centrale ha fornito alcune informazioni su come vede le prospettive economiche della Russia in questo momento.

Ci sono tre suggerimenti principali, ha affermato William Jackson, capo economista dei mercati emergenti presso Capital Economics, il primo dei quali è che la banca centrale sembra ritenere di aver fatto abbastanza con l’aumento di emergenza del mese scorso per stabilizzare il sistema finanziario e prevenire una corsa Russia. banche.

“In secondo luogo, la CBR vede le sanzioni e lo spostamento del governo russo verso l’autosufficienza e l’isolazionismo come qualcosa che è qui a lungo termine”, ha detto Jackson, osservando che la dichiarazione ha menzionato “trasformazioni strutturali su larga scala” in diverse occasioni.

“E terzo, tuttavia, i responsabili politici della Banca Centrale del Canada stanno cercando di mantenere una parvenza di ortodossia macroeconomica. L’enfasi eccessiva nella dichiarazione era sul bilanciamento dei rischi di inflazione e sul fatto che la politica monetaria sarebbe rimasta rigorosa per prevenire gli effetti di secondo impatto del l’attuale picco di inflazione non sfugge di mano”.

READ  Il presidente di New Peloton respinge la proposta di vendita dell'azienda

Ciò potrebbe indicare che i responsabili politici mirano a revocare gli attuali controlli sui capitali, tornare al rublo fluttuante e infine riorientare la politica monetaria verso l’obiettivo dell’inflazione, ha suggerito Jackson.