Maggio 16, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La Cina non è SpaceX, potrebbe essere la fonte di uno schianto di un razzo sulla luna

La Cina non è SpaceX, potrebbe essere la fonte di uno schianto di un razzo sulla luna

Il 4 marzo, un pezzo di resti di missili artificiali Colpirai la luna.

Ma si scopre che non è così, come affermato in una serie di rapporti in precedenza, Compreso il New York TimesSpaceX, Elon Musk, che sarà responsabile della creazione di un cratere sulla superficie lunare.

Invece, è probabile che la causa sia un pezzo di un razzo lanciato dall’agenzia spaziale cinese.

Il mese scorso, Bill Gray, sviluppatore di Project Pluto, un set di software astronomico utilizzato per calcolare le orbite di asteroidi e comete, ha annunciato che lo stadio superiore del razzo SpaceX Falcon 9 si trovava su un percorso che si interseca con quello della Luna. . Il razzo ha lanciato DSCOVR per la National Oceanic and Atmospheric Administration l’11 febbraio 2015.

Il signor Gray seguiva questa parte del razzo da anni e all’inizio di gennaio ha superato 6.000 miglia dalla superficie lunare, ruotato dalla gravità della luna attorno a un percorso che sembrava potesse schiantarsi in un’orbita successiva.

Le osservazioni di astronomi dilettanti mentre l’oggetto è scivolato sulla Terra hanno confermato ancora una volta l’impatto imminente all’interno dell’antico cratere Hertzsprung, che è largo 315 miglia.

Ma un’e-mail di sabato da John Giorgini, un ingegnere del Jet Propulsion Laboratory della NASA in California, ha cambiato la storia.

Giorgini gestisce Horizons, un database online in grado di stabilire posizioni e orbite per quasi 1,2 milioni di oggetti nel sistema solare, tra cui circa 200 veicoli spaziali. Un utente di Horizons ha chiesto a Giorgini quanto fosse sicuro che il corpo facesse parte del razzo DSCOVR. “Mi ha spinto a esaminare il caso”, ha detto il signor Giorgini.

READ  La spazzatura spaziale si schianterà sul lato opposto della luna

Ha trovato l’orbita incompatibile con il percorso intrapreso da DSCOVR e ha contattato il signor Gray.

“Il mio pensiero iniziale era, sono sicuro di aver capito bene”, ha detto il signor Gray domenica.

Ma ha iniziato a scavare tra vecchie e-mail per ricordare a se stesso quando questa cosa è stata individuata per la prima volta nel marzo 2015, circa un mese dopo il lancio di DSCOVR.

Quasi ogni nuovo oggetto osservato nel cielo è un asteroide, e questa era anche l’ipotesi per questo oggetto. Ha ottenuto la designazione WE0913A.

Tuttavia, si è scoperto che WE0913A era in orbita attorno alla Terra, non al Sole, il che lo rendeva molto probabilmente qualcosa che proveniva dalla Terra. Il signor Gray ha detto che pensava che potesse far parte del razzo che ha lanciato DSCOVR. Ulteriori dati hanno confermato che WE0913A ha superato la luna due giorni dopo il lancio di DSCOVR, il che sembra confermare l’identificazione.

Il signor Gray ora si rende conto che il suo errore è stato pensare di lanciare DSCOVR su una traiettoria verso la Luna e usare la sua gravità per far oscillare il veicolo spaziale verso la sua destinazione finale a circa un milione di miglia dalla Terra, dove il veicolo spaziale avrebbe fornito un avviso di tempeste solari in arrivo.

Ma, come ha sottolineato il Sig. Giorgini, il DSCOVR è stato effettivamente lanciato su una traiettoria diretta non oltre la Luna.

“Vorrei davvero averlo recensito”, ha detto Gray prima che il suo annuncio uscisse a gennaio. “Ma sì, appena John Giorgini me lo ha fatto notare, è diventato chiaro che avevo già sbagliato”.

READ  Misteriose sfere di vetro avvistate dal rover cinese sulla superficie lunare

SpaceX, che non ha risposto a una richiesta di commento, non ha detto che WE0913A non era lo stadio del suo razzo. Ma probabilmente non l’ha nemmeno rintracciata. Il più delle volte, il secondo stadio di un Falcon 9 viene respinto nell’atmosfera per bruciare. In questo caso, il missile aveva bisogno di tutto il suo propellente per portare il DSCOVR alla sua lontana destinazione.

Tuttavia, il secondo stadio, non alimentato e non controllato, si trovava in un’orbita che difficilmente avrebbe messo in pericolo i satelliti, ed è possibile che le persone non lo seguissero.

“Sarebbe molto bello se le persone che stanno mettendo questi booster in orbite alte rivelassero pubblicamente cosa hanno messo lì e dove stanno andando invece di dover fare tutto questo lavoro investigativo”, ha affermato Gray.

Ma se questo non era un missile DSCOVR, cos’era? Il signor Gray ha esaminato altri lanci nei mesi precedenti, concentrandosi su quelli diretti sulla luna. “Non c’è molto in quella categoria”, ha detto il signor Gray.

Il più grande candidato è stato il razzo Long March 3C che ha lanciato la navicella spaziale cinese Chang’e-5 T1 il 23 ottobre 2014. Quel veicolo spaziale ha ruotato intorno alla Luna ed è tornato sulla Terra, dove ha lasciato cadere una piccola capsula di ritorno che è atterrata in Mongolia. È stato un test che ha portato alla missione Chang’e-5 nel 2020 che ha raccolto con successo rocce e polvere lunari e le ha restituite per essere studiate sulla Terra.

Una simulazione al computer dell’orbita temporale di WE0913A ha mostrato che sarebbe volato vicino alla luna il 28 ottobre, cinque giorni dopo il lancio cinese.

READ  Cosa succede nelle profondità di mondi lontani?

Inoltre, il signor Gray ha affermato che i dati orbitali dei cubi associati al terzo stadio del razzo Long March “sono praticamente un anello morto” per WE0913A. “È il tipo di caso che potresti portare davanti a una giuria e ottenere una condanna”.

Altre osservazioni questo mese hanno cambiato la previsione di quando l’oggetto colpirà la luna di pochi secondi e poche miglia a est. “È sempre come la stessa cosa”, ha detto Christophe Demoutis, un astronomo dilettante nel nord-est della Francia.

Non c’è ancora alcuna possibilità di perdere la luna.

Il collasso avverrà intorno alle 7:26 ET, ma poiché l’impatto avverrà sul lato opposto della luna, sarà fuori dalla vista dei telescopi e dei satelliti della Terra.

Per quanto riguarda quello che è successo alla parte di Falcon 9, “stiamo ancora cercando di capire dove potrebbe essere la seconda fase di DSCOVR”, ha affermato Gray.

La migliore ipotesi è che sia finito in orbita attorno al sole invece che alla Terra, e potrebbe essere ancora lì. Questo l’avrebbe tenuta nascosta per il momento. C’è un precedente per il ritorno di antichi pezzi di razzi: nel 2020, un UFO appena scoperto Si scopre che faceva parte di un razzo lanciato nel 1966 Le missioni automatiche del geometra della NASA sulla Luna.