Novembre 30, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La Corea del Nord ha lanciato il suo nono test missilistico quest’anno

La Corea del Nord ha lanciato il suo nono test missilistico quest'anno

“L’esercito sudcoreano mantiene uno stato di prontezza monitorando i movimenti rilevanti in preparazione per ulteriori lanci”, hanno affermato in una nota i capi di stato maggiore congiunti.

Il comunicato afferma che il missile è stato lanciato dalla regione di Sunan, vicino alla capitale, Pyongyang.

La guardia costiera giapponese ha allertato le sue navi, dicendo che “un possibile missile balistico (missili balistici) è stato lanciato dalla Corea del Nord”.

“Consigliamo alle navi di prestare attenzione a maggiori informazioni e, se individuano oggetti in caduta, non avvicinarsi e segnalare le informazioni pertinenti alla Guardia costiera giapponese”, ha aggiunto.

La Corea del Nord è orgogliosa

L’ufficio presidenziale sudcoreano ha dichiarato in una dichiarazione che il Consiglio di sicurezza nazionale sudcoreano terrà una riunione di emergenza sabato mattina.

La tensione internazionale è aumentata sulla recente serie di test di missili balistici della Corea del Nord, misure da tempo vietate dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Questo è il nono test missilistico della Corea del Nord nel 2022. Gennaio ha visto un numero record di tali test, con non meno di sette lanci durante il mese, incluso un nuovo tipo di “missile ipersonico” in grado di manovrare ad alta velocità.

Gli analisti notano che l’aumento dei test quest’anno mostra che Kim si sta sforzando di raggiungere gli obiettivi nazionali e mostra a un mondo sempre più turbolento che Pyongyang rimane un attore nella lotta per il potere e l’influenza.

Il lancio di sabato arriva pochi giorni prima delle elezioni presidenziali del 9 marzo in Corea del Sud, in cui è probabile che la Corea del Nord rappresenti una delle principali questioni elettorali.

READ  Più di 4.300 arrestati nelle proteste contro la guerra in Russia