Agosto 12, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La NASA apre un campione lunare Apollo sigillato dal 1972

La NASA apre un campione lunare Apollo sigillato dal 1972

Per quanto riguarda Claret, il 1972 è stato un Un anno cupo per il vino di fama mondiale. Ma la NASA è fiduciosa che la Taurus Litro Valley sulla luna non abbia subito la stessa stagione delle piogge di Bordeaux, in Francia, quell’anno.

Agenzia spaziale americana Prepararsi a sbarazzarsi di Una nave molto speciale, non vino, ma un campione di rocce lunari e regolite che era stata sigillata per 50 anni dopo che gli astronauti dell’Apollo 17 Eugene Cernan e Harrison “Jack” Schmidt hanno raschiato il materiale dalla superficie lunare nel dicembre 1972.

Il programma di analisi dei campioni di nuova generazione Apollo della NASA aprirà il tubo metallico sigillato da 3,81 cm x 35,56 cm al Johnson Space Center di Houston, in Texas, nella speranza che il campione possa insegnare alla NASA gli strumenti e le procedure necessarie per prelevare buoni campioni dalla Luna nel prossimo periodo. Programma Artemide. La missione Artemis III della NASA, prevista per il 2025, riporterà gli esseri umani sulla luna per la prima volta dall’Apollo 17 per campionare dal polo sud della luna.

“Capire la storia geologica e l’evoluzione dei campioni lunari nei siti di atterraggio dell’Apollo ci aiuterà a prepararci per i tipi di campioni che potrebbero essere incontrati durante Artemis”, ha affermato in una dichiarazione Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA.

I campioni lunari sono stati sigillati due volte e il team della NASA ha iniziato a perforare il sigillo esterno l’11 febbraio, monitorando attentamente l’eventuale gas che potrebbe fuoriuscire dal sigillo interno, indicando un guasto del sigillo interno.

READ  Chandrayaan-2 ha fatto la prima osservazione della distribuzione globale di argon-40 nell'esosfera lunare | Notizie dall'India

Non è stato rilevato alcun gas e il 23 febbraio la NASA ha iniziato a violare il sigillo interno, un processo che potrebbe richiedere diverse settimane, secondo Blog della NASA. Gli scienziati sperano di catturare tutti i gas volatili, come vapore acqueo e anidride carbonica, che sono stati rilasciati dalla fusione del campione negli ultimi cinque decenni. Tecniche come la spettroscopia di massa sono notevolmente avanzate dagli anni ’70 e gli scienziati sperano di studiare in dettaglio tali sostanze volatili non possibili per gli scienziati 50 anni fa.

Questo era l’obiettivo di conservare alcuni dei campioni dell’Apollo in deposito per tutto questo tempo, secondo Laurie Gleese, direttrice della divisione di scienze planetarie presso la sede della NASA.

“L’agenzia ha appreso che la scienza e la tecnologia avanzeranno e consentiranno agli scienziati di studiare i materiali in nuovi modi per affrontare nuove domande in futuro”, ha affermato in una nota.