La Rossella Virtus espugna Catanzaro

Print Friendly, PDF & Email

La Rossella Civitanova espugna Catanzaro 71-76 nel match dell’Epifania e chiude così il girone di andata al quinto posto insieme ad altre tre squadre. Per i civitanovesi è la seconda vittoria consecutiva e la quinta nelle ultime sei partite. E stata una sfida dura su un campo più difficile di quanto non dica la classifica (i calabresi sono penultimi), che capitan Amoroso e compagni sono stati bravi a portare a casa con la freddezza necessaria negli ultimi minuti. Domenica prossima la Rossella sarà impegnata a Campli, fanalino di coda senza vittorie: un’occasione importante per continuare la striscia di vittorie.

Si inizia con una tripla di Coviello, ma anche Catanzaro è subito in partita e risponde colpo su colpo. Il primo strappo lo danno Pierini dall’arco e Felicioni per il +6 (11-17). Ancora Felicioni da tre firma il massimo vantaggio ospite (13-21). Markovic e Gaetano tengono a contatto Catanzaro con un 5-0, ma Coviello risponde per il 21-27.

Nel secondo quarto si bagnano le polveri, Catanzaro arriva a -2 (30-32), non si segna per qualche minuto e poi torna la parità. Vallasciani da fuori sblocca la Rossella, che va all’intervallo avanti 36-38 con Pierini.

Al rientro dagli spogliatoi si continua con uno spartito simile: i padroni di casa cercano di trovare il primo vantaggio, ma la Rossella riesce a mantenere quasi sempre qualche punto di distacco. A metà quarto Calabretta firma il pareggio da tre (45-45), ma gli replica subito Felicioni; il sorpasso avviene nel finale, con un 7-0 che porta Catanzaro avanti 55-53 alla fine del quarto.

I calabresi arrivano anche a +5 nell’ultimo parziale, ma Coviello e Andreani firmano la parità a tre minuti dalla fine (66-66). Catanzaro risponde con Mavric, ma Burini e Coviello riportano la Rossella avanti (68-69) con 90 secondi sul cronometro. Andreani fa ½ ai liberi per il +4, Catanzaro non molla: 2/2 di Locci, ma con 11” al termine Calabretta fa solo ½ e quindi fallisce l’aggancio. La Rossella torna in possesso e Catanzaro è costretta a fare fallo su Burini, che non tradisce dalla lunetta e mette in ghiaccio la vittoria per coach Millina.

Mastria Vending Catanzaro – Rossella Virtus Civitanova Marche 69-74 (19-25, 15-11, 19-15, 16-23)

Mastria Vending Catanzaro: Franco Gaetano 14 (7/8, 0/2), Nikola Markovic 13 (2/2, 3/4), Daniele Dell’uomo 13 (3/6, 2/4), Andrea Locci 12 (5/7, 0/0), Emin Mavric 8 (3/7, 0/1), Luca Calabretta 6 (1/3, 1/2), Gianmarco Gobbato 3 (1/2, 0/0), Andrea Procopio 0 (0/1, 0/1), Mattia Dolce 0 (0/0, 0/0), Amar Klacar 0 (0/0, 0/0), Cosimo Commisso 0 (0/0, 0/0), Stefan Malkic 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 11 – Rimbalzi: 32 6 + 26 (Franco Gaetano 9) – Assist: 16 (Andrea Locci, Luca Calabretta 4)

Rossella Virtus Civitanova Marche: Attilio Pierini 20 (6/11, 2/4), Riccardo Coviello 17 (2/5, 2/3), Lorenzo Andreani 9 (0/7, 2/3), Matteo Felicioni 9 (1/1, 2/2), Federico Burini 8 (1/3, 0/1), Francesco Amoroso 6 (1/7, 1/3), Marco Vallasciani 5 (1/2, 1/3), Arnold Mitt 0 (0/2, 0/0), Lorenzo Attili 0 (0/0, 0/0), Filippo Cognigni 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 29 – Rimbalzi: 11 3 + 8 (Riccardo Coviello 4) – Assist: 0 (Attilio Pierini, Riccardo Coviello, Lorenzo Andreani, Matteo Felicioni, Federico Burini, Francesco Amoroso, Marco Vallasciani, Arnold Mitt, Lorenzo Attili, Filippo Cognigni 0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!