Ottobre 2, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La Russia dice che sta ritirando alcune truppe e vuole l’Ucraina e l’Occidente come prova

La Russia dice che sta ritirando alcune truppe e vuole l'Ucraina e l'Occidente come prova
  • La Russia afferma che alcune forze hanno riconfigurato le loro basi dopo il potenziamento militare vicino all’Ucraina
  • L’Occidente risponde con cautela e scetticismo
  • Schultz dice che la diplomazia non è ancora esaurita
  • L’Ucraina afferma ministero della Difesa, banche sotto attacco informatico
  • Mosca dichiara vittoria sulla “propaganda di guerra occidentale”

MOSCA (Reuters) – La Russia ha dichiarato martedì che alcune delle sue forze sono tornate alla sua base dopo esercitazioni vicino all’Ucraina e hanno deriso gli avvertimenti dell’Occidente su un’imminente invasione, ma la NATO e gli Stati Uniti hanno affermato di non aver ancora visto alcuna prova di ricadute in Iraq. L’escalation può evitare la guerra.

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la Russia è pronta a continuare a parlare con l’Occidente su questioni di sicurezza, ma non si accontenterà di vaghi discorsi sul fatto che l’Ucraina non sarà pronta per entrare a far parte della NATO in tempi brevi.

L’annuncio militare è la prima indicazione di Mosca che potrebbe essere pronta a invertire la formazione di circa 130.000 soldati vicino al confine con l’Ucraina, che ha innescato una delle crisi più profonde nelle relazioni est-ovest dalla Guerra Fredda.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La tensione è rimasta alta, ma il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha detto dopo aver incontrato Putin al Cremlino che il ritiro di alcune truppe russe è stato un buon segno.

Mosca non ha detto quante unità saranno ritirate e in che misura. L’ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite ha affermato che Washington non ha visto finora alcuna prova di alcun ritiro.

L’Ucraina ha affermato che il ritiro segnalato deve essere visto per crederci. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato: “L’intelligence che stiamo vedendo oggi non è ancora incoraggiante”.

READ  Nazanin Zaghari-Ratcliffe, un operatore di beneficenza britannico che è stato rilasciato dall'Iran, è arrivato nel Regno Unito

Il Centro ucraino per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni ha affermato che il ministero della Difesa e le banche del paese Privatbank e Oshadbank sono state oggetto di un attacco informatico.

“Non è escluso che l’aggressore abbia usato tattiche di piccoli sporchi trucchi perché i suoi piani aggressivi non funzionano su larga scala”, ha detto il centro, senza specificare chi fosse l’aggressore.

Segnali diplomatici

Il capo della Nato ha accolto con favore le indicazioni provenienti dalla Russia negli ultimi due giorni secondo cui potrebbe essere alla ricerca di una soluzione diplomatica, ma ha esortato Mosca a mostrare la propria disponibilità ad agire.

“Ci sono segnali da Mosca che la diplomazia deve continuare. Questo dà ragioni per un cauto ottimismo. Ma finora non abbiamo visto alcun segno di de-escalation sul campo da parte russa”, ha detto ai giornalisti il ​​segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Ha detto che la Russia spesso lascia l’equipaggiamento militare dopo le esercitazioni, il che crea la possibilità di raggruppare le forze.

In una conferenza stampa congiunta con Shultz, Putin ha fatto riferimento solo brevemente ai movimenti delle truppe e non è entrato nei dettagli.

La Russia ha negato da tempo la pianificazione di invadere l’Ucraina, dicendo che può addestrare truppe sul suo suolo come meglio crede. Ha spinto per una serie di garanzie di sicurezza dall’Occidente, inclusa la garanzia che l’Ucraina non entrerà mai a far parte della NATO.

Putin ha detto ai giornalisti che la Russia non sarebbe stata soddisfatta del discorso sul fatto che l’ex repubblica sovietica non era pronta ad aderire a breve e ha chiesto che la questione fosse risolta ora.

READ  Russia e Ucraina cercano un compromesso nei colloqui di pace
I soldati russi guidano i carri armati durante le esercitazioni militari nella regione di Leningrado, in Russia, in questa foto pubblicata il 14 febbraio 2022. Ministero della Difesa russo / Inserito tramite Reuters / File foto

“Quanto alla guerra in Europa… se la vogliamo o no? Certamente no. Per questo abbiamo avanzato proposte per il processo negoziale, il cui risultato dovrebbe essere un accordo per garantire la stessa sicurezza per tutti, anche nostro stato”, ha detto.

Schulz ha affermato che le possibilità diplomatiche non sono state ancora esaurite.

“Per noi tedeschi così come per gli europei, la sicurezza sostenibile può essere raggiunta solo con la Russia. Quindi deve essere possibile trovare una soluzione. Non importa quanto sia difficile e pericolosa la situazione, mi rifiuto di dire che è senza speranza”, ha detto.

In uno sviluppo separato, la camera bassa del parlamento russo ha votato per chiedere a Putin di riconoscere come indipendenti due regioni separate sostenute dalla Russia nell’Ucraina orientale.

Riconoscere le autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk potrebbe porre fine al processo di pace a Minsk, nell’Ucraina orientale, dove il conflitto tra le forze governative ei separatisti sostenuti da Mosca ha ucciso 15.000 persone.

Alla domanda sulla mossa, Putin ha affermato che i problemi della regione dovrebbero essere risolti sulla base degli accordi di Minsk, firmati nel 2014 e nel 2015 ma mai attuati. Schulz ha detto che tutte le parti devono rispettare questi accordi.

“Potrebbe essere imminente”

La dimostrazione di forza della Russia vicino al confine con l’Ucraina ha scatenato mesi di frenetica diplomazia occidentale e minacce di severe sanzioni in caso di invasione, culminando negli ultimi giorni in un’escalation di avvertimenti statunitensi e britannici che ciò potrebbe accadere in qualsiasi momento.

Il Cremlino ha cercato di ritrarre i suoi movimenti come prova che i discorsi occidentali sulla guerra erano sia falsi che isterici.

READ  L'Europa impone sanzioni alla Russia per la crisi ucraina e coordina la pressione con gli Stati Uniti

La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha dichiarato: “Il 15 febbraio 2022 passerà alla storia con il fallimento della propaganda occidentale per la guerra. Sono stata umiliata e distrutta senza che sia stato sparato un solo colpo”.

Il ministero della Difesa russo ha rilasciato filmati che mostrano carri armati e altri veicoli blindati caricati su vagoni a rotaia piana. Ma gli analisti militari occidentali hanno affermato di aver bisogno di maggiori informazioni per giudicare il significato dei recenti movimenti di truppe.

Konrad Muzica, direttore della società di consulenza polacca Roshan, ha detto a Reuters che ci vorranno diversi giorni per verificare le ultime mosse tramite immagini satellitari.

“Vale anche la pena notare che nuovi treni con equipaggiamento dalla Russia centrale continuano ad arrivare vicino al confine e che le forze russe continuano a muoversi verso le aree di raccolta”, ha affermato.

Le immagini satellitari commerciali, scattate domenica e lunedì, hanno mostrato una raffica di attività militari russe in diverse località vicino all’Ucraina, inclusi grandi schieramenti di truppe, elicotteri d’attacco e aerei da guerra che si spostavano in posizioni avanzate. Per saperne di più

Le azioni russe, i titoli di stato e il rublo, che sono stati colpiti dai timori di un conflitto imminente, sono aumentati drasticamente poiché la situazione sembrava allentarsi leggermente e i titoli di stato ucraini sono rimbalzati. Il petrolio è sceso di oltre il 3% da un massimo di sette anni di lunedì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Mark Trevelyan; Montaggio di Angus Maxwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.