Gennaio 28, 2023

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La Russia intensifica la campagna di censura, fa pressione sui giganti della tecnologia

Quando la Russia attacca UcrainaI funzionari di Mosca stanno intensificando la loro campagna di audit interni facendo pressioni su alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo.

La scorsa settimana, funzionari russi hanno avvertito che Google, Meta, Apple, Twitter, Dictoc e altre società avrebbero tempo fino alla fine di questo mese per conformarsi a una nuova legge che richiede loro di costituire persone giuridiche nel paese. La cosiddetta legge sullo sbarco rende le aziende e i loro dipendenti più vulnerabili alle richieste del sistema legale russo e dei revisori dei conti governativi, degli esperti legali e dei gruppi della società civile.

Queste azioni fanno parte di una campagna di pressione russa contro le società tecnologiche straniere. Approfittando dell’occasione Pena, Arresti E questo Bloccare o rallentare Sui servizi Internet, mentre il Cremlino tiene fuori dai filtri i pro-media, le autorità stanno spingendo le aziende a censurare i contenuti sfavorevoli online.

Apple, TikTok e Spotify hanno rispettato la legge sull’atterraggio e, secondo il regolatore Internet russo Roskomnadzor, Google ha adottato misure per farlo. Nessuna contrazione e telegramma. Il meta genitore di Facebook e Twitter hanno rispettato alcune parti della legge, mentre altri no.

La situazione mette le aziende tecnologiche in un dilemma tra la libera opinione e il sostegno pubblico alla privacy e al loro lavoro in paesi con leader dittatoriali. È costretto a valutare la disponibilità dei propri servizi in Russia Assolutamente a sinistra.

Sempre più spesso, le aziende subiscono pressioni da parte delle autorità ucraine e dei legislatori statunitensi per ridurre il loro intervento in Russia. Il vice primo ministro ucraino ha chiesto ad Apple, Google, Netflix e Meta di limitare l’accesso ai loro servizi in Russia. Il senatore Mark Warner del Partito Democratico della Virginia, presidente del Comitato di intelligence del Senato, ha inviato una lettera a Meta, Reddit, Telegram e altri esortando le aziende russe a non utilizzare i loro siti per seminare il caos sulla guerra.

Le aziende di tutto il mondo si trovano ad affrontare richieste contrastanti. Isolati problemi di censura in Cina, forse la patria della Internet più controllata al mondo, si sono diffusi in Russia, Turchia, Bielorussia, Myanmar e altrove, con alcuni di loro che cercano di creare una rete più strettamente controllata.

Per la Russia, censurare Internet non è facile. Mentre la Cina ha sviluppato una serie di filtri chiamati Great Firewall attorno a Internet, Internet della Russia è più aperto e i siti tecnologici americani sono ampiamente utilizzati nel paese. A cambiarlo c’è il governo russo Nuove tecnologie sviluppate Utilizzato l’anno scorso per bloccare l’accesso a Twitter, per bloccare i contenuti.

READ  Biden: nonostante le affermazioni russe, l'invasione dell'Ucraina è ancora "chiaramente possibile" Ucraina

Ora si prevede che la pressione sulle società tecnologiche aumenterà mentre le autorità cercano di controllare quali informazioni vengono diffuse sulla guerra in Russia e Ucraina. I russi hanno utilizzato Facebook, Instagram e altri social media stranieri per criticare il conflitto, sollevando preoccupazioni per la repressione sui siti.

Venerdì, Roskomnadzor ha affermato che stava limitando l’accesso a Facebook riducendo il traffico. Il regolatore ha affermato che il social network ha interferito con molti media filo-governativi del Cremlino.

Nick Clegg, il massimo dirigente politico di Meta, Disse La società ha respinto le richieste russe di sospendere la verifica indipendente dei post da parte di quattro organi di stampa statali. L’azienda ha detto Il governo statale russo ha vietato la pubblicazione di annunci pubblicitari Sul social network.

Twitter che ha detto Mette in pausa gli annunci In Ucraina e Russia, ha detto sabato Anche il servizio è stato limitato Per alcuni in Russia.

Il divieto è “un tentativo del governo russo di aumentare il controllo su queste società e sui loro contenuti in Russia”, ha affermato Pavel Sikov, un avvocato russo per i diritti umani specializzato in casi di audit. “Il governo russo li spingerà gradualmente ad andare oltre su questa strada”.

Le aziende e le organizzazioni occidentali hanno iniziato a fare luce sulle loro relazioni con la Russia Ostacoli L’obiettivo è isolare economicamente il Paese. Compagnie energetiche Stanno lottando con il potenziale calo delle forniture di petrolio e gas naturale. I produttori alimentari hanno un’opportunità Carenza di grano russo e ucraino. Anche le squadre di calcio europee hanno abbandonato le sponsorizzazioni di società russe con una grande società La partita di campionato si sta muovendo Da San Pietroburgo a Parigi.

La situazione è particolarmente grave per le aziende tecnologiche. Apple e Google controllano il software su ogni smartphone in Russia e hanno dipendenti lì. YouTube, Instagram e Dictoc sono siti popolari utilizzati per ottenere informazioni al di fuori dei media statali. Telegram, il news processor lanciato in Russia e ora legalmente a Dubai dopo le polemiche con il governo, è uno degli strumenti di comunicazione più popolari nel Paese.

La nuova legge sullo sbarco è la mossa del Cremlino per contrastare gli sforzi delle aziende tecnologiche per ridurre la loro presenza fisica in Russia. Secondo la legge, entrata in vigore il 1° gennaio, i siti web stranieri e i siti di social media con più di 500.000 utenti giornalieri dovranno registrarsi come persone giuridiche nel paese con un leader locale. Le aziende devono registrare un account con Roskomnadzor e creare un modulo elettronico per consentire ai cittadini russi o ai funzionari governativi di contattare le aziende con reclami.

READ  Il film "non annunciato" di Tom Holland supera il fine settimana con $ 45 milioni - scadenza

Stabilire una presenza locale espone le aziende alle intimidazioni del governo, hanno avvertito i gruppi dei diritti umani e della società civile, portando alcuni a chiamarlo “Legge sugli ostaggi”. L’anno scorso, le autorità russe hanno minacciato di arrestare i dipendenti di Google e Apple per forzare la rimozione del processore creato dai sostenitori di Google e Apple. Alessio A. NavalnyLeader dell’opposizione russa incarcerato.

“Il governo russo vuole mantenere le ambasciate di quelle compagnie in Russia”, ha detto. Alexander Litreeve, che ha lavorato con Navalny, ha affermato di essere il CEO di Solar Labs, un produttore di software che evita la censura online. “Vogliono un modo per tirare una leva per gestire le informazioni e come si diffondono su Internet”.

A novembre il governo Elencato 13 le aziende da rispettare con la nuova legge di sbarco: Meta, Twitter, TikTok, Likeme, Pinterest, Viber, Telegram, Discord, Zoom, Apple, Google, Spotify e Twitch.

READ  40 La migliore decespugliatore multifunzione professionale del 2022 - Non acquistare una decespugliatore multifunzione professionale finché non leggi QUESTO!

Il 16 febbraio, un funzionario del Roskomnadzor ha dichiarato che le società che non si sarebbero conformate entro la fine del mese sarebbero state multate. Oltre alle multe e ai possibili arresti o recessioni, le multe possono interrompere la vendita di pubblicità, il funzionamento dei motori di ricerca, la raccolta di dati e i pagamenti previsti dalla legge.

Per le aziende che non hanno ancora iniziato il processo di “sbarco”, prenderemo in considerazione la questione dell’applicazione delle misure entro la fine di questo mese”, ha detto al parlamento russo Vadim Subbotin, vicepresidente del Roskomnadzor, secondo i media russi.

Meta ha affermato che, pur agendo in linea con la nuova legge sull’atterraggio, non ha cambiato la sua considerazione delle richieste del governo di rimuovere il contenuto. Apple, Google e Twitter hanno rifiutato di commentare la legge. TikTok, Telegram, Spotify e altre società target non hanno risposto alle richieste di commento.

I gruppi per i diritti umani e la libertà di parola hanno espresso frustrazione per il fatto che alcune società tecnologiche, spesso in Russia, sottovalutino il governo e rispettino la legge senza opposizione pubblica.

“Il motivo alla base dell’adozione della legge sullo sbarco è mettere a tacere le restanti voci di dissenso e creare motivi legittimi per una censura online completa minacciando la libertà di espressione online”, ha affermato Jonah Simanska, esperto di censura russa su Internet nell’articolo 19. Gruppo comunitario a Londra.

In rappresentanza di società tra cui Telegram nei casi contro il governo russo, il sig. Sikov ha detto di essersi incontrato l’anno scorso per discutere delle politiche russe di Facebook. Ha chiesto consiglio se i dirigenti di Facebook dovrebbero lasciare la Russia, in cui ha detto che Facebook e Instagram dovrebbero essere tagliati fuori. La società ha invece rispettato le leggi.

Sig. Sikov ha esortato le aziende tecnologiche a denunciare le richieste russe e ha stabilito un ampio precedente per combattere la censura, anche se si traduce in sanzioni.

“Ci sono stati momenti in cui le grandi aziende tecnologiche sono state all’avanguardia non solo per quanto riguarda la tecnologia, ma anche per i diritti civili, la libertà di espressione e la privacy”, ha affermato. “Ora si comportano come grandi multinazionali che difendono i loro interessi commerciali”.

Anton Troyanovsky e Oleg Matsnev Rapporto contribuito.