Agosto 13, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La Russia scompare dai principali indicatori questa settimana

La Russia scompare dai principali indicatori questa settimana

MSCI Inc. ha rifiutato. Altri fornitori di indici per le azioni russe questa settimana sono fuori dai benchmark globali, una mossa che si ripercuote su miliardi di dollari di investimenti che seguono i mercati globali.

Le modifiche all’MSCI sono entrate in vigore mercoledì pomeriggio e interessano due dei più grandi ETF dei mercati emergenti: iShares Core MSCI Emerging Markets ETF e iShares MSCI Emerging Markets ETF, che è passato all’indice EEM.

MSCI Inc. ha detto. E gli indici S&P Dow Jones e FTSE Russell hanno affermato che le azioni russe sarebbero state rimosse dagli standard azionari globali a un prezzo “zero” o “zero virtuale” dopo aver consultato i partecipanti al mercato. Le modifiche all’S&P sono entrate in vigore mercoledì mattina.

S&P Dow Jones Indices ha anche affermato che sta consultando i partecipanti al mercato sulla possibile rimozione delle obbligazioni russe dagli indici a reddito fisso. Contatto FTSE Ha fatto una mossa simile la scorsa settimana.

I fornitori di indici hanno affermato che stavano rimuovendo la Russia dopo che gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni al paese, lasciando la Russia disconnessa dal sistema finanziario globale. Gli asset russi, dalle obbligazioni alle valute e ai fondi negoziati in borsa che tengono traccia delle loro azioni, sono crollati nell’ultima settimana durante una serie di frenetiche sessioni di trading. Il paese è stato tagliato fuori dall’economia globale dalla sua invasione dell’Ucraina.

Ci sono più di 250 indici Standard & Poor’s che saranno interessati dal cambiamento, secondo l’azienda. La Russia è omessa da oltre 9.600 indici in MSCI.

Gli analisti hanno affermato che l’effetto della mossa sarebbe stato determinato valutando la Russia su ciascuno dei criteri in essa contenuti.

READ  Ford condivide il rapporto sulla potenziale propaggine del business delle auto elettriche

Ad esempio, EEM replica l’indice MSCI Emerging Markets, che a fine febbraio aveva una ponderazione dell’1,6% nelle azioni russe. Secondo le informazioni sul fondo, il fondo di circa $ 26 miliardi possedeva circa $ 155 milioni dalla russa Sberbank alla fine di dicembre. Entro martedì, la posizione valeva $ 3.023,37 e il fondo non le ha dato alcun peso.

Molti gestori attivi di fondi comuni di investimento seguono anche questi indici e possono scegliere di detenere più o meno titoli statali nei loro portafogli. Ciò potrebbe farli rimanere indietro rispetto allo standard se le loro partecipazioni vengono interrotte.

“È più significativo per i gestori attivi”, ha affermato Todd Rosenbluth, capo dell’ETF e della ricerca sui fondi comuni di investimento presso CFRA. “In teoria, se ne hai di più [of your portfolio] In titoli che sono illiquidi e non puoi sbarazzartene, sarà un onere a medio termine per il tuo portafoglio”.

Ad esempio, se un gestore di fondi attivo decide di detenere più azioni russe di un indice di riferimento, avrà un’allocazione maggiore in azioni che ora non valgono altro che investimenti passivi che hanno replicato l’indice. Ciò può influire sui rendimenti.