Agosto 13, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La Shell si scusa per l’acquisto di petrolio russo e ne annuncia il ritiro graduale

La Shell si scusa per l'acquisto di petrolio russo e ne annuncia il ritiro graduale

Il logo Shell viene visualizzato davanti a una stazione di servizio Shell il 30 luglio 2020 a San Rafael, in California. Royal Dutch Shell ha registrato un utile rettificato del secondo trimestre di $ 638 milioni rispetto all’utile netto di $ 3,5 miliardi dell’anno precedente.

Justin Sullivan | Getty Images

olio pioniere conchiglie Martedì, si è scusata per l’acquisto di un carico fortemente scontato di petrolio russo e ha annunciato il suo ritiro dal suo coinvolgimento in tutti gli idrocarburi russi.

“Come primo passo immediato, la società interromperà tutti gli acquisti spot di petrolio greggio russo. Inoltre chiuderà le stazioni di servizio e le operazioni di carburante per jet e lubrificanti in Russia”. Ha detto in una dichiarazione.

Venerdì, Shell ha acquistato 100.000 tonnellate di greggio Ural dalla Russia. Secondo quanto riferito, acquistato con uno sconto standardcon molte compagnie che evitano il petrolio russo a causa di L’invasione non provocata di Mosca del suo vicino. L’acquisto non ha violato alcuna sanzione occidentale.

La società ha dovuto affrontare pesanti critiche per l’acquisto, anche dal ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, che ha sollecitato Le aziende troncheranno tutti i legami commerciali con la Russia.

Ben van Beurden, amministratore delegato di Shell, ha dichiarato martedì che la società era “molto consapevole del fatto che la nostra decisione della scorsa settimana di acquistare un carico di greggio russo da raffinare in prodotti come benzina e diesel, nonostante garantisse la sicurezza dell’approvvigionamento in prima linea nel nostro pensiero – non lo era. “Persona giusta e ci dispiace”.

Parlando con la CNBC la scorsa settimana, Kuleba ha lanciato un feroce attacco alle società che continuano a fare affari con la Russia, dicendo che alcune delle principali compagnie petrolifere potrebbero trovarsi dalla parte sbagliata della storia.

READ  Le azioni salgono mentre il petrolio scivola sulla speranza di colloqui con l'Ucraina

“Il mondo li giudicherà di conseguenza. La storia li giudicherà di conseguenza”, ha detto a Hadley Gamble della CNBC.

Shell ha già detto che intende uscire dalle sue joint venture con il colosso russo del gas Gazprom e le sue entità affiliate, e ha annunciato nel fine settimana che avrebbe stanziato i profitti del petrolio russo scontato a un fondo dedicato agli aiuti umanitari per l’Ucraina.

Van Beurden ha aggiunto martedì che le sfide sociali sollevate dalla guerra Russia-Ucraina “evidenziano il dilemma tra fare pressione sul governo russo per le sue atrocità in Ucraina e garantire forniture energetiche stabili e sicure in tutta Europa”.

“In definitiva, spetta ai governi decidere quali compromessi molto difficili fare durante la guerra in Ucraina. E continueremo a lavorare con loro per aiutare a gestire i potenziali impatti sulla sicurezza degli approvvigionamenti energetici, in particolare in Europa”, Ha aggiunto.