Maggio 17, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

La vera fonte d’acqua della Terra potrebbe essere molto diversa da quella che pensi

La vera fonte d'acqua della Terra potrebbe essere molto diversa da quella che pensi

Niente sulla Terra può vivere senza acqua. Pertanto, l’origine dell’acqua sulla Terra è l’origine della vita nel sistema solare (e nell’universo) come lo conosciamo.

Scoprire dove e come il nostro mondo ha ottenuto la sua acqua può essere la chiave per trovare vita su altri mondi, ma la verità è che non sappiamo con certezza da dove provenga.

Tuttavia, è generalmente accettato che un possibile meccanismo per fornire acqua fosse il bombardamento di asteroidi e comete portatori di acqua quando la Terra come la conosciamo oggi era molto più giovane.

Ma nuove analisi sono state raccolte dalle rocce la luna Ed essere portato sulla Terra durante l’era Apollo suggerisce che, in effetti, potrebbe non essere così.

Invece, secondo un team di ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory, la spiegazione più probabile è che la Terra sia stata formata dalla sua acqua. In altre parole, è stato qui tutto il tempo.

“La Terra è nata con l’acqua che abbiamo, o abbiamo colpito qualcosa che era essenzialmente puro H2Oh, senza nient’altro dentro, Il chimico cosmico Greg Brenica spiega da LLNL.

“Questo lavoro elimina meteoriti o asteroidi come potenziali fonti d’acqua sulla Terra e punta fortemente verso l’opzione ‘nato con esso'”.

La Luna può sembrare un posto strano dove cercare l’acqua terrestre. È polveroso, asciutto e per niente bagnato.

A quanto pare, la Luna è un ottimo posto per studiare la storia della Terra. La Luna si è formata quando c’erano due corpi massicci, uno delle dimensioni di Martee l’altro un po’ più piccolo del nostro – si scontrano tra loro e si trasformano in grumi che diventerebbero la Terra e la sua luna.

READ  Salve al calamaro, una nuova specie di cefalopode estinta che ricorda un vampiro con 10 braccia che prende il nome da Biden

La memoria della Terra di questo evento ha resistito al passare del tempo, ma poiché non ci sono tettoniche a placche lunari o condizioni meteorologiche, le prove geologiche non vengono erose allo stesso modo.

Ciò non significa che non ci siano assolutamente processi lì. Gli impatti di altri corpi e l’attività vulcanica passata possono alterare la superficie della Luna. Tuttavia, ci sono alcuni campioni in Gruppo Apollo che è relativamente invariato.

Ora, secondo L’ipotesi dell’impatto giganteQuesto gigantesco incidente 4,5 miliardi di anni fa ha impoverito la Terra e la Luna di materia volatile.

Ecco perché, sotto questo modello, la luna è molto secca; Rispetto ad altri corpi del sistema solare che contengono acqua, Anche la maggior parte della Terra è molto seccasoprattutto se si tiene conto delle sue dimensioni.

Per comprendere la storia del sistema Terra-Luna prima della collisione gigante, il team ha esaminato tre campioni lunari che si sono cristallizzati da 4,3 a 4,35 miliardi di anni fa ed ha esaminato due isotopi: l’isotopo volatile e radioattivo del rubidio-87.87Rb) e l’isotopo in cui decade, lo stronzio-87 (87RS).

Si ritiene che quest’ultimo in particolare sia un buon indicatore per comprendere il budget fluttuante a lungo termine della luna e l’abbondanza relativa di elementi moderatamente volatili, come il rubidio, riflette il comportamento di specie più volatili, come l’acqua.

È interessante notare che l’analisi del team ha rivelato che ce ne sono pochissimi 87Padre nel sistema Terra-Luna, anche prima della gigantesca collisione. Ciò indica che sia la proto-Terra che la collisione, Theia, erano gravemente impoveriti di elementi volatili, suggerendo che l’esaurimento volatile non era il risultato del gigantesco impatto dopotutto.

READ  Marte Elicottero Creatività 21 Assi Viaggio verso il Pianeta Rosso

Ciò significa che le varie distribuzioni fluttuanti sulla Terra e sulla Luna sono ereditate dalla Terra e da Theia, il che potrebbe spiegare perché la Terra è così umida. Suggerisce anche che entrambi i corpi potrebbero essere stati nella stessa regione generale del Sistema Solare, piuttosto che formare una lontana Thea e migrare verso di essa, e che l’impatto non avrebbe potuto verificarsi prima di 4,45 milioni di anni fa.

Sebbene ciò sfidi alcune opinioni accettate sulla composizione della Terra e della Luna, spiega accuratamente le origini dei volatili nel sistema Terra-Luna, affermano i ricercatori. Spiega le differenze nei loro rapporti volatili e spiega le somiglianze nei rapporti isotopici.

“C’erano solo pochi tipi di materiali che potevano combinarsi per formare la Terra e la Luna, e non erano strani”, Il chimico cosmico Lars Burg spiega da LLNL.

“È possibile che entrambi fossero solo grandi corpi che si sono formati più o meno nella stessa regione che si è incontrata poco più di 100 milioni di anni dopo la formazione del sistema solare… ma siamo fortunati che abbiano fatto proprio questo”.

La ricerca è stata pubblicata in PNAS.