Agosto 12, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Le azioni scendono, il petrolio salta sopra i $ 100 mentre la Russia invade l’Ucraina

Le azioni scendono, il petrolio salta sopra i $ 100 mentre la Russia invade l'Ucraina

Un trader lavora alla Borsa di Francoforte, in Germania, il 22 febbraio 2022. REUTERS/Tim Reichert

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il petrolio supera i 100 dollari quando la Russia invade l’Ucraina
  • Le azioni europee sono scese del 2,75%, il rublo ha toccato il minimo storico
  • L’MSCI Asia, Giappone escluso, è sceso di oltre il 3%, il livello più basso da novembre 2020
  • Buoni del Tesoro, obbligazioni, dollaro in aumento
  • L’oro è il più alto da gennaio 2021

LONDRA (Reuters) – I prezzi del petrolio hanno superato i 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014, i mercati azionari sono crollati e il rublo ha toccato il minimo storico giovedì dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato l’invasione dell’Ucraina. Per saperne di più

I mercati hanno offerto tutte le reazioni attese. I principali mercati azionari europei hanno aperto in ribasso del 2,5%-4%, i titoli di stato di riferimento, il dollaro, il franco svizzero, lo yen giapponese e l’oro sono tutti saliti in una mossa verso la sicurezza.

Putin ha affermato di aver autorizzato quella che ha definito un’operazione militare speciale e il governo ucraino ha accusato Mosca di aver lanciato un’invasione su larga scala. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati imporranno “gravi sanzioni” alla Russia dopo gli attacchi. I leader europei hanno affermato che congeleranno gli asset e rimuoveranno le banche russe dai loro mercati finanziari. Per saperne di più

READ  Il rimorchio del trattore precipita lungo il ponte I-10 in Louisiana

I mercati russo e ucraino erano in caduta libera.

Il rublo si è indebolito di quasi il 7% a un 86,98 per dollaro senza precedenti e ci sono stati cali del 10% in più alla Borsa di Mosca quando ha aperto dopo un commento iniziale. Quindi la Banca centrale russa ha ordinato il divieto delle vendite allo scoperto e dei mercati over-the-counter fino a nuovo avviso.

La sconfitta delle azioni è iniziata con un calo del 2,6% per gli indici panasiatici (.MIAP00000PUS.). Indice STOXX 600 europeo (.stoxx) Quindi è sceso del 2,75%, raggiungendo il livello più basso da maggio 2021 e il 10% al di sotto del livello record di gennaio.

Indice tedesco DAX (.GDAXI) Ed è sceso del 3,7 per cento a sopportare il peso maggiore della vendita a causa della forte dipendenza dalle forniture energetiche russe e dagli importi venduti dalle sue società alla Russia. L’aumento dei prezzi del petrolio ha contribuito a limitare le perdite nel pesante indice delle materie prime FTSE 100 del Regno Unito (.FTSE)anche se è ancora in calo del 2,3% e i mercati dei futures hanno indicato cali simili a Wall Street in seguito.

S&P 500 e-minis sono scesi del 2%, i futures Nasdaq sono scesi del 2,8%, il che, se materializzato, confermerà che l’indice incentrato sulla tecnologia si trova in un cosiddetto mercato “orso”.

“In passato, quando hai avuto turbolenze geopolitiche, tendi ad avere periodi molto volatili nei mercati e poi a normalizzarti, ma è difficile valutare quando lo otterremo”, ha affermato Justin Onwekwosi, LGIM Portfolio Manager.

L’indice del dollaro sui mercati valutari è salito dello 0,5%. Gli asset hanno visto un forte aumento della volatilità durante l’aggravarsi della crisi, con il Cboe Volatility Index, noto come indicatore della paura di Wall Street, in rialzo di oltre il 55% negli ultimi nove giorni. (.VIX)

READ  Zelensky accetta di parlare con la Russia, ma rifiuta di considerare la Bielorussia come il luogo d'incontro

I future sul greggio Brent sono balzati di oltre il 3,5% superando i 100 dollari al barile per la prima volta da settembre 2014.

Il West Texas Intermediate è balzato del 4,6% a 96,22 dollari al barile, il livello più alto da agosto 2014, mentre l’oro è balzato di oltre l’1,7% al livello più alto dall’inizio di gennaio 2021.

Questa immersione in cerca di sicurezza ha visto anche i rendimenti dei titoli di stato tedeschi con rating AAA scendere di otto punti base all’1,139%, il più basso in tre settimane. . Anche il rendimento di riferimento a 10 anni negli Stati Uniti è sceso drasticamente, scendendo all’1,86% dalla sua chiusura negli Stati Uniti dell’1,977% prima di risalire all’1,90%.

Gli investitori sono anche alle prese con la possibilità di un imminente inasprimento della politica da parte della Federal Reserve statunitense per combattere l’aumento dell’inflazione. La domanda ora è se il conflitto darà ai banchieri centrali un motivo per ritardare tali mosse o se l’ulteriore aumento dei prezzi dell’energia può motivarli.

Mentre le aspettative per un forte aumento di 50 punti base alla riunione della Fed di marzo si sono raffreddate, i futures sui fondi Fed continuano a puntare ad almeno sei aumenti dei tassi quest’anno. FEDWATCH

“I mercati ora stanno valutando in modo più appropriato il rischio che accada qualcosa di orribile. Questo, combinato con l’incertezza, è un ambiente orribile in cui vivere. Nessuno vuole correre rischi quando fa trading”, ha affermato Rob Carnell, capo della ricerca Asia Pacifico presso ING. .

Rapporti aggiuntivi di Sujata Rao a Londra e Andrew Galbraith a Shanghai; Montaggio di Angus McSwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.