Maggio 16, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

L’ex procuratore generale William Barr ha parlato con il comitato del 6 gennaio

Washington – Una persona vicina all’ex procuratore generale Bill Barr, interrogato dal comitato ristretto della Camera il 6 gennaio, ha contattato Barr per quella che ha descritto come una conversazione informale, confermando di avere informazioni sull’attacco al Campidoglio o sulle attività di quel giorno. L’ex ufficiale giudiziario Jeffrey Clark.

CBS News ha appreso che Barr non aveva altra scelta che partecipare agli eventi del 6 gennaio o al lavoro che Clark stava facendo e che non sentiva di avere molte informazioni utili per la squadra. Il suo ultimo giorno in magistratura è il 23 dicembre 2020.

Il membro del Congresso Benny Thompson, che presiede il comitato ristretto della Camera che indaga sull’attacco del 6 gennaio alla capitale degli Stati Uniti, ha rivelato domenica di aver parlato con gli investigatori del bar.

“Abbiamo già parlato con l’ex procuratore generale. Abbiamo parlato con persone del Dipartimento della Difesa”, ha detto Thompson, un democratico del Mississippi, in un’intervista a Face The Nation quando gli è stato chiesto se il gruppo vorrebbe parlare con Sbarra. A proposito di un progetto di ordine esecutivo presumibilmente emesso dal Dipartimento della Difesa per sequestrare le macchine elettorali dopo la sconfitta dell’ex presidente Donald Trump nelle elezioni del 2020.

“Siamo preoccupati che il nostro esercito sia stato parte di questa grande menzogna nella campagna secondo cui le elezioni erano una farsa.

Diverse testate giornalistiche la scorsa settimana hanno pubblicato una bozza di ordine esecutivo ottenuto dal comitato di selezione come parte di una richiesta di documenti dagli Archivi Nazionali lo scorso anno. Trump ha citato in giudizio per impedire al gruppo di ottenere record dalla sua Casa Bianca, ma la Corte Suprema la scorsa settimana Rifiutato di fermarsi La loro pubblicazione ha aperto la strada agli Archivi Nazionali per trasferire i documenti agli investigatori della Camera.

READ  Due missionari sono stati rilasciati dopo un rapimento di gruppo ad Haiti

Progetto di ordinanza amministrativa, Pubblicato per la prima volta da Politico, Non è mai stato fornito, e non è chiaro chi abbia scritto il documento. L’ordinanza, datata 16 dicembre 2020, autorizza il Segretario alla Difesa a “catturare, raccogliere, conservare e analizzare tutti i macchinari, le attrezzature, le informazioni archiviate elettronicamente e le registrazioni dei materiali per la conservazione”. Legge federale Conservazione e conservazione dei registri elettorali.

Thompson ha affermato che il comitato non sapeva se qualcuno all’interno del Pentagono stesse lavorando sulla questione del sequestro delle macchine per il voto, ma ha affermato che la bozza di ordine esecutivo era “una ragione sufficiente per credere che fosse stata proposta”.

“Abbiamo informazioni che un piano è stato presentato tra la magistratura per sequestrare le macchine per il voto nel Paese e per implementarlo utilizzando i beni del settore della difesa”, ha detto.

La giuria sta anche esaminando i candidati presidenziali repubblicani nei cinque stati in cui il presidente Biden ha vinto, registrando voti non ufficiali e presentando false credenziali elettorali del college sostenendo che Trump ha vinto nei loro stati. Secondo i rapporti.

Thompson ha affermato che il comitato era preoccupato per il fatto che i documenti fossero stati archiviati da persone che affermavano falsamente di essere responsabili della conduzione e della certificazione delle elezioni.

“Quando falsi documenti, nella maggior parte dei casi, è un reato penale”, ha detto, osservando che qualsiasi decisione su possibili casi sarebbe presa dalla magistratura.

Il comitato ha detto a dozzine di persone durante la sua indagine – assistenti della Casa Bianca, organizzatori della manifestazione del 6 gennaio fuori dalla Casa Bianca e alleati di Trump – e Thompson è stato incaricato di rivedere più di 700 pagine. Documenti ottenuti dagli Archivi Nazionali.

READ  Inondazioni in Kerala: almeno 22 persone sono morte in frane e inondazioni causate da forti piogge

Le udienze pubbliche dovrebbero iniziare in primavera, ha detto.

“Parte del nostro piano è continuare a coinvolgere tutte le persone che riteniamo necessarie e importanti per la nostra indagine. Parleremo con alcuni, ne metteremo alcuni sotto impegno e daremo ad altri le opportunità che chiediamo”, ha affermato Thompson. “Ma ti assicuro che quando creeremo queste informazioni, le renderemo chiare al pubblico. . “