Agosto 12, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

L’ex Steelers, Bears QB, afferma che Mitch Trubesky era “strano come piantagrane” a Chicago

4850578_web1_AP21003751620847

L’ex Stiller Jim Miller è noto come quarterback sia di Pittsburgh che di Chicago. Sa che aspetto ha una sala QB affollata, essendo stato in questa posizione con Neil O’Donnell, Cordell Stewart e Mike Tomczak.

E conosce bene anche il quarterback dei New Steelers Mitch Trubesky.

Miller è il conduttore radiofonico di Sirius-XM e analista dello show post-partita Bears per Fox 32 a Chicago. È qui che Trubisky ha iniziato la sua carriera prima di ricominciare come backup a Buffalo l’anno scorso.

“Era buono per Mitch. Aveva bisogno di una boccata d’aria fresca. Era un po’ diffamato come un piantagrane per i Bears e perché non hanno vinto. Ma era più di questo”, Miller Martedì ha detto WDVE.

In effetti, i Bears hanno guadagnato una discreta quantità quando Trubisky era il vantaggio. Nelle 50 partite di Trubisky tra il 2017 e il 2020, i Bears avevano un’età compresa tra 29 e 21 anni e hanno raggiunto i playoff due volte, perdendo la prima partita entrambe le volte.

Ma quando Miller ha detto che “era più” dell’incoerenza e dell’inesperienza di Trubisky durante le sue prime quattro stagioni a Windy City, quello che intendeva era quello che stava succedendo con Matt Nagy e lo staff tecnico di Chicago.

La narrativa comune tra i fan degli Steelers, che vogliono contrassegnare la firma di Trubesky come un successo prima che giochi una partita a Pittsburgh, è il presupposto che Trubesky sia un brillante quarterback che è stato rachitico all’inizio della sua carriera da un allenatore cattivo e in continua evoluzione. Quando si tratta di compiti di comunicazione.

READ  Quanto ha guadagnato Sean McVeigh per stare con gli arieti?

L’allenatore che lo ha arruolato, John Fox, è stato licenziato dopo la prima stagione di Tropsky. Matt Nagy ha preso il sopravvento. In vari momenti ai tempi di Trubisky come orso, Doyle Loggins, Mark Helfrich e Bill Lazur si sono guadagnati il ​​titolo di coordinatori offensivi. Nagy ha anche assunto personalmente i compiti di chiamata durante il suo mandato.

Miller ha detto che la costante confusione ha ostacolato lo sviluppo di Trubisky, definendolo un “giovane centrocampista che ha attraversato molti dolori di crescita” in quelle quattro stagioni in quello che ha descritto come un sistema che era “molto felice” sotto Nagy.


Imparentato:

Tim Benz: Ricorda la storia recente quando si tratta della firma di Mitch Trubesky degli Steelers
Prima chiamata: gli Eagles potrebbero uscire sugli Steelers WR JuJu Smith-Schuster; Brown potrebbe essere d’intralcio a Baker Mayfield. Serata dura in metropolitana
Gli Steelers riceveranno una quarta scelta di compensazione nel draft del prossimo mese


“Mitch non aveva molto supporto. È un quarterback vincente… ma quando fai un cambio di allenamento, il quarterback di solito va d’accordo con lui”, ha detto Miller. “Mitch stava gettando in una brutta posizione. Era un giovane quarterback con solo 13 inizi al college e stava crescendo. Gli sta male. Ma non era solo Mitch Trubesky, te lo posso dire”.

Tutto questo può essere vero. Ma, come ha sottolineato Miller, Trubisky ha i suoi svantaggi.

“In termini di consapevolezza di andare in tasca, stava migliorando a Chicago, ma poteva migliorare”, ha insistito Miller. “La sua più grande lotta è la palla lunga. La sua palla lunga è un po’ piatta. Può correggerlo, poiché mette un po’ più di arco sulla palla in modo che sia più accessibile ai ricevitori. “

READ  Jeremy Fowler ha sentito la voce dello scambio "selvaggio" di Jimmy Garoppolo 49ers alla NFL Scouting Combine

Uno dei tratti positivi di Trubisky è la buona prestazione atletica e la capacità di correre. Miller ha detto che Trubisky potrebbe aver bisogno di fare un lavoro migliore nella selezione delle sue posizioni su quando dovrebbe usarle.

“Ha degli aerei”, ha detto Miller. “Può andare veloce. È un buon atleta. È duro. A volte, la sua tenacia ha la meglio su di lui. Deve sapere quando scendere, sciare e uscire dai limiti”.

Miller ha anche descritto una dinamica che potrebbe essere stata fin troppo familiare per lui essendo stato il compagno di squadra di Stewart in precedenza. Miller ha detto che Trubisky ha avuto una notevole lotta tira e molla dentro di sé, dove – per la dinamica del corridore come potrebbe essere – Trubisky a volte si rifiuta di scappare dalla tasca nel tentativo di provare a dimostrare il suo gioco di pocket pass. Per il mondo, potrebbe essere degno di lanciare la palla nella NFL oltre a correre con essa.

“Avrebbe potuto usare di più. Si stava costringendo a buttare fuori la jeep”, ha spiegato Miller. “Gli orsi stavano cercando di fargli una croce di jeep. A volte, deve essere quello che è. Basta adattare e regolare e avere il tuo parco giochi in giardino (giocatore) quando hai bisogno di tirare quei giocattoli. A volte cercava di giocare troppo di tasca propria”.

Quindi, se speri di aspettare almeno fino all’inizio della stagione prima che escano le gare di Kordell, scusa per la delusione.

Miller ha anche parlato del supporto che Trubisky riceverà dai giocatori del centro abilità degli Steelers, delle somiglianze nell’affrontare la negatività sia a Chicago che a Pittsburgh e di come il comportamento di Trubisky negli spogliatoi dovrebbe aiutarlo una volta raggiunto il lato sud.

READ  I gemelli di terra liberi abbreviano l'agente Carlos Correa in uno sbalorditivo affare da 105,3 milioni di dollari per tre anni

Tim Benz è uno scrittore di Tribune Review. Puoi contattare Tim all’indirizzo tbenz@triblive.com o tramite Twitter. Tutti i tweet possono essere ripubblicati. Tutte le e-mail sono soggette a pubblicazione se non diversamente specificato.