Giugno 25, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Mark Meadows: la Camera vota per raccomandare accuse di oltraggio criminale contro l’ex amministratore delegato di Trump | Attacco al capitale americano

stati Uniti Camera dei rappresentanti L’amministratore delegato di Donald Trump, Mark Meadows, ha approvato una mossa per raccomandare accuse di oltraggio criminale, una settimana dopo aver terminato la sua collaborazione con il pannello della camera che indagava sulla rivolta del Campidoglio.

Questa approvazione segna la prima volta che il consiglio ha votato per insultare un ex membro dal 1830, secondo i registri del consiglio.

Questa è l’ultima dimostrazione di forza del gruppo del 6 gennaio che indaga sul peggior attacco al Campidoglio da oltre 200 anni. I legislatori sono determinati a ottenere risposte rapide e nel farlo riaffermano il potere del Congresso che è stato eroso quando Trump era in carica.

“La storia sarà scritta su questi tempi, sul lavoro che questo comitato ha svolto”, ha detto il presidente del comitato Benny Thompson.

Meadows, un ex membro del Congresso della Carolina del Nord, è partito nel marzo 2020 per entrare nell’amministrazione Trump. Prima di lasciare il Congresso, Meadows “ha continuato a insistere sul fatto che il popolo e gli alti funzionari del governo rispettino l’autorità del Congresso e che i poteri dell’intelligence siano impliciti e intrecciati con i nostri poteri di legiferare su questo”, ha detto Jamie Ruskin. Squadra.

Ruskin ha iniziato il dibattito martedì Lettura di testi frenetici appena pubblicati Dal giorno dell’attacco, i membri del Congresso, gli editori di Fox News e persino il figlio di Trump hanno esortato il presidente uscente a sollecitare Meadows ad agire rapidamente per prevenire un attacco di tre ore da parte dei suoi sostenitori.

Martedì si è svolto il referendum Una raccomandazione I prati sono a carico del consiglio. La questione ora passa alla magistratura, che deciderà se procedere.

READ  Tom Brady si ritirerà dal calcio dopo 22 stagioni nella NFL

Martedì, i repubblicani hanno affermato che la mossa contro Meadows è stata una distrazione dal lavoro della Camera, con un membro che l’ha definita “malvagia” e “americana”. Trump ha sostenuto Meadows in un’intervista, definendolo un “uomo perbene”.

I leader del gruppo hanno promesso di punire chiunque disobbedisca al loro processo e la magistratura ha già accusato Trump di due accuse di oltraggio dopo che il suo alleato di lunga data, Steve Bannon, ha violato la sua linfa. Se condannati, Bannon e Meadows rischiano fino a un anno di carcere per ogni accusa.

Tuttavia, in una dichiarazione di martedì, l’avvocato di Meadows, George Derville, ha affermato che l’ex amministratore delegato non aveva smesso di collaborare ma non poteva costringerlo a comparire per un’intervista. L’avvocato ha detto che Meadows “ha collaborato pienamente” con i documenti in suo possesso e che non erano privilegiati.

Lo stesso Meadows ha citato in giudizio il panel, chiedendo alla corte di invalidare i due zaffiri che secondo lui erano “troppo larghi e inutilmente gravosi”.

I membri del team hanno detto Messaggi di testo Inviato a Meadows il giorno della rivolta, ha sollevato nuove domande su cosa stesse succedendo alla Casa Bianca e cosa stesse facendo Trump mentre l’attacco continuava. Il panel ha pianificato di indagare sulle comunicazioni di Meadows, inclusi 6.600 log di pagina e circa 2.000 messaggi di testo presi da account di posta elettronica personali. Il team non ha rilasciato alcuna informazione completa.

Liz Cheney, la deputata repubblicana del Wyoming Liz Cheney, vicepresidente del gruppo, ha affermato che una questione chiave sollevata dai discorsi del gruppo lunedì sera era se Trump avesse cercato di bloccare la certificazione del Congresso rifiutandosi di inviare un messaggio forte ai rivoltosi. .

READ  L'ex procuratore generale William Barr ha parlato con il comitato del 6 gennaio

“Questi discorsi sono senza dubbio”, ha detto Cheney. “La Casa Bianca sapeva esattamente cosa stava succedendo in Campidoglio”.

La squadra investigativa ha già intervistato più di 300 testimoni e interrogato più di 40 persone nel tentativo di creare un record più completo che porta all’assedio di insurrezioni e violenze.