NPN Tolentino attesa dal derby con la Vela Ancona

Print Friendly, PDF & Email

Continuità: è questo l’obiettivo in casa NPN Tolentino dopo il brillante successo contro il Volturno che ne ha rilanciato le ambizioni di classifica. Le ragazze di mister Bartolo, infatti, proveranno a sfatare il tabù della vittoria tra le mura amiche che, sino ad ora, è sempre sfuggita a fronte invece dei tre centri su tre in trasferta.

L’occasione giusta per cogliere la prima vittoria in casa si presenta già nel prossimo week-end quando presso l’impianto di via Sticchi andrà in scena il derby con la Vela Ancona. Una partita diversa da tutte le altre dove, oltre ai valori tecnici ed agonistici, saranno determinanti le ambizioni di primato e la voglia d’imporsi sulle avversarie per recitare il ruolo di leader regionale nella categoria

Se a ciò si aggiunge poi il fatto che la compagine dorica è anche saldamente al comando della classifica del girone Sud (con 13 punti, insieme al Flegreo e a Cosenza) s’intuisce facilmente come per le maceratesi questa partita sia insidiosa ma, allo stesso tempo, ricca di significati che moltiplicheranno le energie per conquistare l’intera posta in gioco.

Un incontro davvero speciale sarà, soprattutto, per la tolentinate Gloria Pierucci (classe’88) terza stagione alla NPN ma cresciuta nell’Osimo Nuoto insieme a diverse giocatrici della Vela quali Pomeri, Di Martino, De Matteis e Quattrini, avendo anche per una stagione l’attuale allenatore anconetano Milko Pace. Sentimenti ed emozioni, dunque, molto particolari ed unici che la giovane pallanuotista ha provato a sintetizzare analizzando l’attuale momento ed i prossimi impegni della propria squadra

Dopo la sconfitta contro Cosenza siete tornate subito al successo con Volturno. Cosa vi ha dato la giusta grinta per ripartire?

Perdere una partita fa parte del gioco. Il Cosenza ha sostenuto una prestazione eccellente e ci ha punite su ogni disattenzione ed errore. Abbiamo lavorato proprio su questo seguendo le indicazioni del tecnico e con una maggiore concentrazione. Non vogliamo rimanere indietro rispetto alle altre squadre e la voglia di riscatto domenica scorsa contro il Volturno era forte”

Quali sono stati, a tuo avviso, i valori aggiunti che vi hanno permesso di centrare la vittoria?

“La nostra formazione gode di un’ottima coesione e schiera individualità di spicco: a partire dai portieri sino alle nuove leve che migliorano di giorno in giorno. Dalla prima all’ultima siamo rimaste compatte svolgendo ognuna ciò che mister Bartolo ci ha chiesto. Giocando meglio in difesa siamo riuscite a finalizzare maggiormente in attacco. E poi si sa, un goal non preso equivale ad una rete realizzata”.

Oltre alla forza del gruppo e allo spirito di sacrificio quali caratteristiche è riuscita ad esprimere in acqua la NPN Tolentino sino a questo punto?

“Come neo promosse i dubbi sulla riuscita di un buon campionato erano molti. Lavorando e aggiustando le strategie di gioco abbiamo pian piano preso consapevolezza del nostro potenziale, crescendo come gruppo e come singole atlete. Noi stesse ci siamo piacevolmente sorprese delle nostre capacità e da ogni partita cerchiamo di trarre spunti per migliorare determinati aspetti. Penso che il Tolentino abbia molto da dire in questo campionato di A2 e il nostro margine di crescita è elevato. Per ora credo che la nostra squadra abbia dimostrato di potersela giocare con tutte le protagoniste di questo raggruppamento”.

Ora vi aspetta il match contro la Vela Ancona. Che partita sarà?

“La Vela ha dimostrato quest’anno, ma anche nelle stagioni precedenti, di essere una squadra molto forte ed organizzata, tecnicamente collaudata e fisicamente pronta. Mi aspetto una partita difficile, dovremo concedere poco e stare molto attente alle loro ripartenze. Tuttavia quando si alza il livello di difficoltà, per noi atleti si presenta l’opportunità di una nuova sfida e intendiamo giocarcela fino alla fine”.

Un derby è sempre una partita sui generis e particolare. Lo sarà ancora di più per te che hai gareggiato per diverso tempo al fianco di alcune giocatrici doriche?

“Ho avuto il piacere e l’onore di condividere molto con alcune ragazze della Vela e rivederle a bordo piscina per un match è sempre molto emozionante. Colgo l’occasione per augurare un veloce recupero alla De Matteis grande assente di questo inizio campionato. Il bello del derby è anche questo”.

Su cosa dovrà puntare tecnicamente Tolentino per riuscire a fermare la capolista?

“Per affrontare questa partita servirà grande concentrazione…Come ho già detto loro possono fare affidamento sull’esperienza e su una preparazione tecnica e atletica notevole. Dovremo stare attente alle loro ripartenze e concedere poco in difesa”

Quali sono, a tuo avviso, le maggiori differenze tra voi e le vostre “cugine”?

“Ogni squadra differisce per personalità, punti di forza e punti deboli. La Vela può contare su grandi individualità, basti pensare alla Pomeri o all’Altamura. La stessa Di Martino, centroboa, è un ulteriore punto di forza. Noi non possiamo fare affidamento su un centroboa di ruolo e questo determina e detta le dinamiche di tutto il nostro modo di giocare”

Infine cosa ti senti di chiedere e promettere al pubblico tolentinate che verrà a sostenervi in piscina?

“Domenica sarà la nostra terza partita in casa, il nostro pubblico si è dimostrato molto partecipativo. Mi auguro che continui a seguirci e sostenerci soprattutto per far crescere questo sport. La nostra promessa è quella di vendere cara la pelle e di dare il massimo al fine di una bella prestazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!