Maggio 19, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Quando un brutale aumento degli affitti causerà l’inflazione CPI? Quanto aggiungerai al CPI?

Quando un brutale aumento degli affitti causerà l'inflazione CPI?  Quanto aggiungerai al CPI?

I numeri sono già stati inseriti e appariranno nei prossimi 24 mesi.

di Lupo Richter a Via del lupo.

Il fattore di affitto rappresenta il 32% del CPI. Nonostante il massiccio aumento della “domanda di affitti” negli Stati Uniti, questi due fattori di affitto per l’IPC sono stati molto inferiori all’IPC e quindi hanno finora trattenuto l’IPC. Contrariamente alla domanda di affitto, questi due fattori di affitto tracciano l’affitto medio effettivamente pagato dagli inquilini sull’intero inventario delle unità in affitto nelle città degli Stati Uniti, comprese le unità a canone controllato.

D’altra parte, la “domanda di affitto” riflette i prezzi correnti delle unità elencate per l’affitto che le persone non hanno ancora affittato, e ci vuole del tempo prima che le persone affittino queste unità e paghino questi affitti in numero sufficientemente elevato da dove si stanno muovendo. dell’affitto medio effettivamente pagato per l’intero stock di unità di noleggio negli Stati Uniti, che viene quindi catturato dalle metriche di noleggio CPI.

Ma questi due fattori dell’affitto in base all’IPC dovranno tenere il passo con la domanda di affitto e quindi aumenteranno l’IPC complessivo- che era già del 7,5% a gennaio, WHOOSH.

Ma quando un aumento della domanda di affitti farà aumentare l’IPC? Quanto aggiungerà all’indice dei prezzi al consumo?

La risposta breve: gli attuali aumenti della domanda di affitti che si sono già verificati fino a gennaio 2022 aggiungeranno più di un punto percentuale all’IPC totale per il 2022 e aggiungeranno più di un punto percentuale all’IPC totale nel 2023, anche se gli affitti della domanda lo fanno non salire oltre… da qui. Questo è già cotto nei numeri. CPI raggiungerà una realtà dolorosa che si diffonderà nei prossimi due anni.

I picchi della domanda di locazione sono brutali.

Gli affitti per case unifamiliari e condomini nel mercato degli affitti sono aumentati del 12% anno su anno negli Stati Uniti, variando ampiamente da città a città, il peggior aumento dei dati a partire dal 2004, secondo CoreLogic oggi. Miami era in cima alla lista, con affitti in aumento del 35%. Negli anni tra la crisi finanziaria e la pandemia, gli affitti per le case unifamiliari negli Stati Uniti sono aumentati tra il 2,5% e il 3,5%.

READ  Il crollo dell'IPO delle azioni 'tech' immobiliari e SPAC: House Flippers Opendoor e Redfin Come Unglued, dopo Zillow

Gli affitti degli appartamenti, esclusi le case unifamiliari e i condomini in affitto, sono aumentati del 12% per gli appartamenti con una camera da letto e del 14% per gli appartamenti con due camere da letto, in media negli Stati Uniti, secondo i dati di Zamper. In 20 delle 100 città più grandi, gli affitti sono aumentati del 20% o piùIn 11 di loro, gli affitti sono aumentati del 25% o più. Questo si basa sulla domanda media di locazione, che è una pubblicità per gli affitti dei proprietari per i loro annunci. Sono come i cartellini dei prezzi in un negozio.

Con una misura diversa, lo Zillow Observed Index of Rentals, gli affitti di gennaio sono aumentati del 14,9% anno su anno negli Stati Uniti, variando ampiamente tra le città.

Tutti questi parametri mostrano la stessa cosa: in media, gli affitti negli Stati Uniti sono aumentati di oltre il 12% su base annua e variano enormemente da città a città, con alcune città che vedono aumenti astronomici degli affitti.

La domanda di affitto impiega 24 mesi per diffondersi attraverso l’inflazione degli affitti CPI.

Gli affitti richiesti sono i prezzi correnti. Non si manifestano nell’inflazione degli affitti fino a quando un numero sufficiente di persone non firma contratti di locazione per unità a quegli affitti e in realtà paga quegli affitti in numero sufficiente per spostare l’ago dell’intero stock di unità in affitto nelle città degli Stati Uniti.

Ciò rende la domanda locativa un indicatore anticipatore dell’inflazione degli affitti CPI. Si scopre, secondo uno studio condotto dalla Federal Reserve Bank di San Francisco, che questa domanda di affitti è in aumento È già successo Spingerà l’inflazione degli affitti CPI più in alto nei prossimi 24 mesi.

READ  Cosa significa per te l'aumento del tasso della Fed

il Due misure degli affitti nel CPI che insieme rappresentano il 32% del CPI totale mostrano questo ritardo, anche se stanno iniziando a crescere. L’affitto della residenza principale di CPI (“affitto CPI”) a gennaio è aumentato del 3,8% anno su anno e l’equivalente dell’affitto del proprietario di CPI (“CPI OER”) è aumentato del 4,1%.

Queste due misure CPI tengono traccia di ciò che gli affittuari pagano effettivamente in affitto nell’intero inventario delle unità in affitto nelle città. Ciò include gli inquilini in appartamenti a canone controllato in cui gli affitti non aumentano bruscamente, include gli inquilini con contratti di locazione attivi in ​​cui gli affitti non possono essere aumentati e include gli inquilini i cui proprietari sono lenti ad aumentare gli affitti per una serie di motivi, incluso il mantenimento di buoni inquilini.

Pertanto, le misure CPI non aumenteranno con lo stesso volume di domanda di locazione. Tra il 2017 e il 2019, le metriche CPI sono state seguite da vicino con l’indice Zillow. Ma nel 2015 e nel 2016 c’erano differenze significative: a gennaio 2015, l’indice Zillow ha mostrato aumenti degli affitti del 5%, mentre le misure dell’IPC hanno mostrato aumenti degli affitti del 2,6% e del 3,5%.

Quando la domanda di affitti inizierà ad alimentare l’IPC complessivo?

Finora, l’affitto tiene conto del suo CPI represso L’indice generale dei prezzi al consumo. L’IPC complessivo di gennaio è balzato del 7,5%, nonostante Le letture più basse dei fattori locativi – affitto dell’abitazione principale (3,8%) e affitto equivalente del proprietario (4,1%).

La Fed di San Francisco ora è uscita con Rapporto del personale Per stimare quando le richieste di noleggio filtreranno nelle metriche di affitto CPI e quindi nel CPI complessivo. Ciò accadrà poco a poco nei prossimi 24 mesi.

READ  Dentifricio da 10 dollari? I produttori statunitensi di articoli per la casa devono affrontare una battuta d'arresto per gli aumenti dei prezzi

È probabile che gli affitti già avvenuti aumentino il fattore di affitto CPI di 3,4 punti percentuali nel 2022 e poi di nuovo nel 2023, e dato il peso del 32% dei fattori di affitto, si aggiungerebbe 1,1 punti percentuali a qualsiasi CPI sarebbe attraverso entro la fine del 2022 e aggiungerà 1,1 punti percentuali al CPI totale nel 2023, anche se non ci sono ulteriori aumenti degli affitti di mercato.

Quindi qualsiasi stabilizzazione o anche un calo dei CPI per i veicoli nuovi e usati sarà diminuita, a causa del loro peso molto inferiore, rispetto all’imminente aumento dei fattori di affitto dell’IPC.

In termini di misura La Federal Reserve utilizza come obiettivo di inflazione le “spese essenziali per consumi personali” le cui componenti residenziali sono inferiori a quelle del CPI, gli aumenti degli affitti richiesti che si sono già verificati aggiungeranno 0,5 punti percentuali alle spese principali per consumi personali sia nel 2022 che nel 2023, secondo il Federal Reserve Board di San Francisco, anche se ci sono nessun ulteriore aumento del canone di mercato.

Ti piace leggere WOLF STREET e vuoi supportarlo? Usa gli ad blocker – capisco perfettamente il motivo – ma vorresti supportare il sito? Puoi donare. Lo apprezzo molto. Clicca su un boccale di birra e tè freddo per imparare a farlo:

Vuoi essere avvisato via email quando WOLF STREET pubblica un nuovo articolo? Registrati qui.