Novembre 30, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Risultati dello studio nella paralisi cerebrale che dura da mesi nei pazienti Govit-19, anche quelli non ricoverati

Ricerca, Pubblicato su JAMA Network Open Magazine il venerdì, Ha scoperto che un quarto dei pazienti Covid-19 nel registro del Mount Sinai Health System ha avuto alcuni problemi con la memoria e sebbene i pazienti ospedalizzati avessero maggiori probabilità di sviluppare paralisi cerebrale dopo l’infezione da virus corona, alcuni pazienti ambulatoriali avevano anche un deterioramento cognitivo.

“In questo studio, diversi mesi dopo, è stato riscontrato che i pazienti affetti da Covid-19 presentavano un deterioramento cognitivo relativamente elevato. Difetti nella funzione amministrativa, nella velocità di elaborazione, nella fluidità del tipo, nella codifica della memoria e nel richiamo erano predominanti tra i pazienti ospedalizzati”, hanno affermato Jacqueline Becker e lei a Mount a New York I colleghi della Icon School of Medicine, hanno scritto nello studio.

“Questo metodo è coerente con i rapporti iniziali che descrivono una sindrome dispeptica dopo COVID-19 e ha implicazioni significative per gli esiti occupazionali, psicologici e funzionali”, hanno scritto i ricercatori. Ricerca separata, pubblicata ad aprile Magazine Lancet Psychiatry, 1 persona su 3 con Govit-19 ha mostrato sintomi mentali o neurologici cronici.
I Centri U per il controllo e la prevenzione delle malattie includono difficoltà nel pensare o nel concentrarsi – a volte indicato come “nebbia del cervello” – nella sua lista Condizioni post-governative.

“Mentre la maggior parte delle persone con Covit-19 guarisce entro poche settimane dall’ammalarsi, alcuni sperimentano condizioni post-Covid”, ha affermato il CDC sul suo sito web. “Le condizioni post-covit sono una vasta gamma di problemi di salute nuovi, ricorrenti o persistenti che le persone possono sperimentare per la prima volta quattro o più settimane dopo essere state infettate dal virus covid-19”.

Il nuovo studio ha incluso dati da aprile 2020 a maggio 2021 su 740 pazienti Covid-19 senza storia di demenza. L’età media dei pazienti era di 49 anni. La funzione cognitiva è stata valutata per ciascun paziente ei ricercatori hanno studiato la frequenza del deterioramento cognitivo tra i pazienti.

READ  Le fonti dicono che Odel Beckham Jr. vuole unirsi al rivale della postseason per il resto della stagione

Di tutti i pazienti, i ricercatori hanno scoperto che il 15% aveva difetti nella fluidità fonetica nel discorso; il 16% in un insieme di abilità mentali chiamate funzione esecutiva; Il 18% ha mostrato carenze nella velocità di elaborazione cognitiva; 20% della capacità di elaborare sezioni o elenchi; 23% in memoria e 24% in crittografia della memoria, con altri difetti.

I ricercatori hanno notato che i pazienti ricoverati in ospedale avevano difetti nell’attenzione, nella funzione amministrativa, nella fluidità del tipo e nella memoria.

Ad esempio, ricordando la memoria, i ricercatori hanno scoperto che il 39% dei pazienti ricoverati in ospedale aveva un difetto in quell’area rispetto al 12% dei pazienti ambulatoriali. Quando si tratta di crittografia della memoria, i dati mostrano che il 37% dei pazienti ricoverati in ospedale ha un difetto rispetto al 16% dei pazienti ambulatoriali.

Gli autori hanno notato la possibilità di dipendenza dal modello poiché i pazienti hanno manifestato sintomi e sono venuti al Mount Sinai Health System.

“L’interazione di Govit-19 con le funzioni amministrative solleva importanti questioni riguardanti il ​​trattamento a lungo termine dei pazienti”, hanno scritto i ricercatori. “Sono necessari studi futuri per identificare i fattori di rischio e i meccanismi basati sul deterioramento cognitivo e sulle opzioni per la riabilitazione”.