Tomba: “Le decisioni arbitrali ci hanno penalizzato”

Print Friendly, PDF & Email

Una botta al cerchio, un’altra alla botte. Il portiere della Maceratese, Alessandro Tomba, punta il dito verso l’arbitro della partita con l’Aurora Treia, ma fa anche autocritica nome della squadra: “Avevamo la partita in pugno, potevamo gestire meglio il secondo tempo”.

La Maceratese ha chiuso la partita in dieci uomini a causa delle espulsioni di Ridolfi e Mongiello, che verranno squalificati. L’espulsione del primo ha lasciato parecchio a desiderare, come pure il calcio di punizione assegnato alla squadra di Paolo Passarini negli istanti finali della partita, dalla quale è scaturito il pareggio.  “Purtroppo l’espulsione affrettata di Ridolfi ci ha ridotto in dieci uomini – dice Alessandro Tomba – Ci siamo abbassati, l’Aurora Treia ha preso fiducia. Non parliamo poi delle decisioni molto dubbie nelle battute conclusive della partita. Alla fine è stata concessa all’Aurora Treia una punizione totalmente inventata, al limite dell’area. Le espulsioni di Ridolfi e Mongiello rischiano di condizionare la stagione. Carlo ha sbagliato, ma è stato preso di mira tutta la partita dai difensori e dal portiere avversario. Nelle ultime partite le decisioni arbitrali ci hanno penalizzato, ma non deve essere un’attenuante”.

“Siamo partiti male, ma abbiamo avuto una reazione da grande squadra, ci fa onore – afferma Paolo Passarini, tecnico dell’Aurora Treia – Tatticamente qualche accorgimento in corsa ci ha dato più sicurezza, nel secondo tempo siamo stati sempre nella metà campo della Maceratese.  Loro hanno fatto tutto il secondo tempo in 10, per noi è stato più facile non doverci preoccupare delle loro ripartenze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!