Ottobre 1, 2022

Macerata Sport

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Macerata Sport

Un “forte vento caldo” è stato visto soffiare attraverso il cosmo dopo che una stella di neutroni ha fatto a pezzi la sua vicina

Un "forte vento caldo" è stato visto soffiare attraverso il cosmo dopo che una stella di neutroni ha fatto a pezzi la sua vicina

Gli scienziati hanno osservato come venti forti e caldi sono stati inviati attraverso l’universo da una stella di neutroni che divorava la sua vicina.

Gli scienziati che lo hanno monitorato affermano che questa scoperta potrebbe aiutarci a saperne di più su alcune delle cose più estreme dell’universo.

I venti caldi emanavano dal sistema binario a raggi X di massa ridotta, o LMXB, un sistema che include una stella di neutroni o un buco nero. Ottengono il loro carburante dalla triturazione del materiale da una stella vicina, divorandolo in un processo noto come accrescimento.

Di solito, quando ciò accade, i sistemi diventano più luminosi, in modi che gli scienziati possono osservare.

Lanciano anche materiale nello spazio e lo spingono con la forza del vento. Ma finora, gli scienziati hanno visto solo gas “caldo”: il nuovo studio è la prima volta che vedono gas “caldo” e “freddo” provenire da un sistema di questo tipo.

Fotografia di una stella di neutroni che emette venti caldi e freddi

(Gabriel Perez (IAC))

È stato possibile perché gli scienziati stavano aspettando e preparandosi per una tale eruzione vulcanica. L’opportunità di assistere all’evento utilizzando alcuni dei più potenti telescopi disponibili sulla Terra e nello spazio è nata quando il sistema chiamato Swift J1858 è stato trovato e ha agito come un raro candidato.

“Eruzioni come questa sono rare e ognuna è unica”, ha affermato Noel Castro Segura, dell’Università di Southampton, autore principale dello studio. “Di solito è pesantemente oscurato dalla polvere interstellare, il che lo rende davvero difficile da osservare.

“Swift J1858 era speciale, perché sebbene si trovasse dall’altra parte della nostra galassia, l’ambiguità era abbastanza piccola da consentire uno studio a tutta lunghezza d’onda”.

READ  Spazzatura spaziale: il razzo rimanente colpirà il lato opposto della luna